RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Arrestate 4 persone, oltre 250 banconote da 20 euro false

Più informazioni su

I Carabinieri della Compagnia di Velletri hanno arrestato 4 persone con l’accusa di falsificazione, spendita e introduzione nello Stato di banconote contraffatte. Tra gli arrestati ci sono un commerciante e tre componenti dello stesso nucleo familiare (madre e i due figli). L’intervento dei militari è scattato quando il commerciante, un 53enne di Velletri, ha rifilato il resto ad un suo cliente utilizzando una banconota da 20 euro risultata contraffatta.

Nel corso della perquisizione, nella disponibilità del 53enne sono state trovate altre 8 banconote false, sempre da 20 euro, aventi lo stesso numero di serie. L’attività d’indagine scaturita dall’arresto del commerciante, coordinata dal Dott. Giuseppe Travaglini della Procura della Repubblica di Velletri e portata avanti dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Velletri, ha portato i militari all’abitazione di una famiglia di Velletri.

Durante la perquisizione, i Carabinieri hanno recuperato 250 banconote identiche a quelle sequestrate al commerciante e altre 3 banconote da 50 euro, anch’esse contraffatte e riportanti lo stesso numero di serie, trovae nella disponibilità di una donna originaria della provincia di Potenza di 53 anni, con precedenti, e dei suoi figli, un ragazzo di 23 anni già conosciuto alle forze dell’ordine e la sorella 32enne incensurata. Ingente il controvalore totale del materiale sequestrato, pari a 5.350 euro, che sarebbe certamente stato messo in circolazione dalla banda. Il numero di serie che contraddistingue le 260 banconote false da 20 euro è S43774470341 mentre per le banconote da 50 euro è V25590030352.

Non si esclude che possano essere in circolazione altre banconote false con lo stesso numero di serie: se così fosse, si invita a denunciarne il rinvenimento presso i Comandi Stazione Carabinieri della Capitale. Le banconote sequestrate saranno inviate alla Banca D’Italia per i successivi accertamenti tecnici di competenza.

Più informazioni su