RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Brusco: canzone per De Rossi si è scritta da sola, società doveva avere più tatto

Roma – Il cantante Brusco e’ intervenuto su Radio Cusano Campus durante il programma ‘Sport Academy’ per parlare della canzone scritta per Daniele De Rossi. “Lo scopo della canzone- ha detto- era compattare l’ambiente, perche’ fosse un saluto indimenticabile, per un giocatore che tanto ha rappresentato: sono state immagini belle a vedersi, compresa la bella atmosfera. Abbiamo esternato tanti sentimenti, e io sono un fan dell’amore. Un po’ di malinconia e’ stata dovuta all’addio di questo calciatore”.

“Sono un fan dell’amore- ha ripetuto- e quindi le canzoni vengono di getto, nella maggior parte dei casi; e’ accaduta la stessa cosa, mentre ero impegnato in studio a fare altre cose. Avevo una base e mi era venuta la prima frase della canzone. Tutto cio’ grazie a Francesco Rocca, uomo e personaggio da ammirare. E la canzone si e’ scritta… da sola. Sono stati in studio quelli dell’Academy Studio a mixarla al volo e poi e’ passata di mano in mano fino alle radio private”.

Sul rapporto con il calcio e alcuni episodi il cantautore ha detto: “Lo sport, a suo modo, riesce a scandire le tappe dell’esistenza di ognuno di noi. Tutti si ricordano cosa facessero il giorno dell’addio al calcio di Totti”. Proprio sulla relazione tra il saluto a Totti e quello forzato a De Rossi Brusco ha aggiunto: “Pensavo che dopo il saluto a Francesco la societa’ dimostrasse piu’ tatto. Non e’ stata data la possibilita’ ai tifosi di prepararsi per bene, per salutarlo nel migliore dei modi, e nemmeno a Daniele di fare altrettanto”.

E’ il secondo brano dedicato alla Roma: “Parlo delle passioni, delle cose positive, capaci di smuovere qualcosa nell’animo, come e’ il calcio. Mi capita di imbattermi in una canzone di questo tipo. Era un peccato, che nessuno ne scrivesse una, su De Rossi. Sono molto fatalista perche’ e’ venuta fuori in tempi rapidi. Non credo di essere un big, capace di pianificare tutto: le cose vengono per caso, e se funzionano, e’ per caso”. Ci sono note piu’ malinconiche, sul tempo che passa: “E’ un’esplosione motivata da una cavalcata durata per anni”.

In parecchi ci si riconoscono. La musica e il tifo restano due grandi passioni. Come e’ cambiato il rapporto, dopo venti anni e passa, con le tue passioni? “L’approccio e’ sempre quello. Ascolto sempre musica giamaicana, e ne seguo le evoluzioni. Ogni produzione che faccio rispecchia un periodo musicale e mi esprimo con metriche e melodie. Poi ci sono stati diversi sviluppi, che si possono cogliere, tra le canzoni di 18 anni fa e quelle di adesso. Quando segnava la Roma da ragazzini piangevamo, e capita ancora adesso: ti consente tutto cio’ di restare bambino, di vedere come vanno le cose della squadra del cuore, di seguire gli artisti che in musica uno preferisce”.

C’erano tre o quattro generazioni di romanisti, domenica, allo stadio Olimpico. Il calcio e’ una cosa che svela l’identita’ di un popolo. Brusco spiega: “Erano tutti, nell’aggregazione, con gli occhi lucidi: dal signore di una certa eta’ ai piu’ piccoli, d’eta’. E queste cose, come la musica, sono il sale della vita”. A breve arrivera’ un nuovo album… “E’ un periodo in cui mi sento particolarmente ispirato. A volte pubblico le canzoni, a volte le tengo in un cassetto dal quale non usciranno mai. Continuo a scrivere molto e ho deciso di fare featuring con altri artisti. Di qui a fine giugno potrete trovarmi sui social e sul canale YouTube”.

Ti fa piacere che il pezzo su Daniele De Rossi vada in giro per conto suo? “Non ho contratti discografici, perche’ mi impedirebbero di pubblicare un pezzo quando ne ho voglia. Mi piace l’idea che questo pezzo giri quasi in maniera autonoma. Il disco o cd nei negozi sembra interessare a pochi, per il resto: anche con novita’ come queste cerco di barcamenarmi. Questa canzone, Grazie Danie’, non e’ in vendita, e non lo sara’ mai. La sentite su YouTube perche’ non voglio che un gesto d’amore sia scambiato per un atto di sciacallaggio”.