RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Caldo record: 800-065510 è numero verde Croce Rossa per emergenze

Roma – In quella che viene annunciata come l’estate piu’ torrida degli ultimi anni, la Croce Rossa Italiana ha attivato Cri per le Persone: il numero verde gratuito 800-065510 h24 e sette giorni su sette per chiunque abbia bisogno di sostegno, assistenza e consigli con una particolare attenzione alle persone sottoposte a maggiori pericoli per la salute come bambini e anziani. Chiamando l’800-065510, l’utente riceve risposte e soluzioni alle emergenze grazie alla solida rete di Comitati in tutta Italia e alle centinaia di migliaia di volontari pronti ad aiutare in un delicato periodo dell’anno in cui e’ piu’ difficile richiedere assistenza.

La sala operativa nazionale, infatti, garantisce la presa in carico della richiesta attivando un contatto diretto e immediato con l’utente e il Comitato Cri piu’ vicino o con servizi offerti da terzi, sia pubblici che privati. Gli operatori forniscono, inoltre, informazioni e consigli per difendersi dalle alte temperature. La Croce Rossa, Associazione da sempre impegnata nella promozione della salute e stili di vita sani, ribadisce alcune indicazioni con particolare attenzione ai bisogni delle persone piu’ fragili.

Alle persone anziane con patologie croniche (cardiovascolari, respiratorie, neurologiche, diabete etc.) e a chi assume farmaci si consiglia di consultare il medico per un eventuale aggiustamento della terapia o della frequenza dei controlli clinici e di laboratorio (ad esempio per i diabetici e’ consigliabile aumentare la frequenza dei controlli glicemici), segnalare al medico qualsiasi malessere, anche lieve, che sopraggiunga durante la terapia farmacologica e non sospendere mai di propria iniziativa la terapia in corso. Infine, e’ importante conservare correttamente i farmaci: in frigorifero quelli per i quali e’ prevista una temperatura non superiore ai 25-30 gradi e lontani da fonti di calore e da irradiazione solare diretta. Info https://www.cri.it/25-05-2019-cri-per-le-persone.