RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Carabinieri individuano e prendono latitante a San Vito Romano

Più informazioni su

Roma – L’indagine avviata dai Carabinieri della Stazione di San Vito Romano, finalizzata alla ricerca di un latitante della zona, un italiano di circa 57 anni e ricercato dal mese di ottobre scorso per vari reati tra cui riciclaggio, ricettazione, truffa e lesioni personali, è stata portata a termine con successo.

Grave episodio di bullismo ai danni di una ragazza in una scuola di Muravera (Cagliari).

Lo stesso, sottoposto dal mese di dicembre del 2016 all’obbligo di presentazione alla P.G., da fine settembre scorso non si è più presentato in caserma e, dopo le ricerche del caso, i Carabinieri del posto hanno accertato che il 57enne aveva lasciato il piccolo paese vendendo l’abitazione in cui risiedeva per soli 4.000 euro, chiedendo un prestito di altri 1.000 euro ad un vicino di casa, per poi allontanarsi per una destinazione ignota.

Dopo l’aggravamento della misura violata e la dichiarazione dello stato di latitanza da parte dell’Autorità Giudiziaria, i Carabinieri si sono messi sulle tracce dell’uomo svolgendo numerosi accertamenti e servizi di osservazione nei luoghi da lui abitualmente frequentati e nei pressi delle abitazioni dei parenti. Tutti i tentativi fatti, però, sono stati nulli per la scaltrezza ed accortezza del pregiudicato. L’input definitivo c’è stato grazie alle intercettazioni telefoniche e i Carabinieri sono riusciti ad individuare il latitante proprio mentre stava per partire, con due trolley alla mano, dalla stazione ferroviaria di Palombara Marcellina. Alla vista dei militari, il 57enne ha tentato una nuova fuga, ma questa volta è stato raggiunto e bloccato. In caserma, alla richiesta di chiarimenti su dove fosse diretto, l’uomo ha risposto che era sua intenzione andare in una caserma per costituirsi e porre fine alla sua latitanza, circostanza ritenuta inverosimile considerati i bagagli che aveva con sè. Dopo le formalità del caso, la “primula rossa” è stata portata nel carcere di Rebibbia a disposizione della Autorità Giudiziaria.

Più informazioni su