Caso Cucchi: entro Natale dovrebbe concludersi processo bis su morte Stefano

Roma – Salvo cambi di programma, entro Natale si concludera’ il processo bis in Corte d’Assise sulla morte di Stefano Cucchi (arrestato tra il 15 e il 16 ottobre 2009 e poi deceduto il 22 ottobre all’ospedale Pertini), che vede imputati 5 carabinieri, 3 dei quali per omicidio preterintenzionale. Il presidente Vincenzo Capozza ha stabilito il calendario che prevede per il 14 e il 26 giugno le ultime audizioni dei consulenti, il 19 luglio la requisitoria del pm, Giovanni Musaro’, a settembre gli interventi delle parti civili e infine tra ottobre e la fine di novembre quelli dei difensori degli imputati.

CUCCHI. DEPISTAGGI, GIP ARCHIVIA POSIZIONE DUE CARABINIERI E UN AVVOCATO

Roma – Il comandante della compagnia Montesacro dei Carabinieri, Nico Blanco, il maresciallo Roberto Mandolini e l’avvocato Gabriele Giuseppe Di Sano sono stati archiviati dalle ipotesi di reato di favoreggiamento (Blanco), tentato patrocinio infedele (Di Sano) e falso ideologico (Mandolini) dal gip Elvira Tamburelli nell’ambito dell’inchiesta sui depistaggi legati alla morte di Stefano Cucchi, morto il 22 ottobre del 2009.

La notizia l’ha data il pm, Giovanni Musaro’, chiedendo l’acquisizione del decreto di archiviazione, nel corso di un’udienza del processo bis sulla morte del 31enne geometra romano che vede imputati in Corte d’assise cinque carabinieri, tre dei quali per omicidio preterintenzionale. Tra gli imputati in questo processo c’e’ proprio Mandolini (accusato di falso e calunnia), mentre per Francesco Di Sano, cugino dell’archiviato Gabriele Giuseppe, e’ stato chiesto il rinvio a giudizio nell’inchiesta sui depistaggi.