Quantcast

Controlli durante Italia-Galles: sei denunciati con Daspo

Più informazioni su

Roma- In occasione degli incontri di calcio di “Euro 2020” sono stati predisposti, con ordinanza del Questore, accogliendo le determinazioni del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, tenutosi in Prefettura, meticolosi servizi interforze, diretti sia alla gestione e al controllo dello stadio, che al monitoraggio della presenza di tifosi nell’intero centro cittadino.

Nella serata di ieri, al termine dell’incontro di calcio Italia-Galles è stato monitorato dal personale Digos un gruppo di circa 100 tifosi del Galles, che si è ritrovato nei pub siti tra la Salita dei Borgia e via Leonina a consumare alcool.

Intorno alle 22.30, il predetto gruppo di supporters gallesi si è spostato verso largo Corrado Ricci dove, sempre sotto osservazione, ha continuato a bere alcool all’interno di un Pub sito in via del Colosseo.

In quei frangenti, davanti ad un altro bar ubicato in largo Corrado Ricci, vi erano alcuni ragazzi italiani che alla vista dei tifosi stranieri hanno iniziato ad avere atteggiamenti palesemente provocatori.

Poco dopo, alcuni ragazzi italiani, infastiditi dai cori cantati dai gallesi, hanno cercato di avvicinarli senza riuscirvi, grazie al pronto intervento del personale Digos che ha bloccato il gruppo prima che riuscisse a raggiungere i tifosi del Regno Unito, identificandone 3 componenti: un classe 1988, un classe 1993 e un classe 2001.

Questi ultimi, subito dopo il controllo, si sono allontanati dalla piazza, percorrendo via Cavour, in direzione di via degli Annibaldi. Così in un comunicato la Questura di Roma.

Poiché su via Cavour e per le strade limitrofe vi era la presenza di diversi supporters gallesi intenti a consumare pasti presso i vari ristoranti, al fine di assicurare un tempestivo intervento in caso di ulteriori tentativi di aggressione, sono state fatte convergere immediatamente anche pattuglie dell’U.P.G.S.P. e del Reparto Prevenzione Crimine Lazio.

Intorno alle ore 23,00 gli agenti hanno rapidamente intercettato in via del Colosseo alcuni giovani italiani che intendevano minacciare supporters del Galles lì presenti.

Uno di essi è stato notato brandire nella mano destra una cintura di cuoio, da utilizzare come arma contundente contro i tifosi del Regno Unito.

Alla vista del personale di polizia il gruppo dei 6 italiani ha cercato di allontanarsi, ma è stato tempestivamente bloccato dalle pattuglie sopraggiunte.

Un primo soggetto, incensurato, un secondo soggetto, un terzo soggetto incensurato di 20 anni e un quarto con precedenti da stadio ed un Daspo scaduto di recente; un soggetto di 34 anni, con precedenti da stadio, un soggetto di 50 anni, con precedenti per apologia di fascismo e stadio.

Le 6 persone bloccate sono state sottoposte a perquisizione personale a seguito della quale il 20enne e il soggetto con precedenti da stadio sono stati trovati in possesso di 2 coltelli, sottoposti a sequestro.

Tutti sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per il reato di violenza privata, mentre i due di prima sono stati deferiti per il delitto di porto di armi ed oggetti atti ad offendere. Per tutti è stato proposto il Daspo ed il Foglio di Via Obbligatorio.

Allo Stadio, invece, contestualmente all’inizio dell’incontro di calcio, sono stati adottati dal personale della Divisione Anticrimine, 5 Fogli di via obbligatori, per altrettanti soggetti attenzionati dalla Guardia di Finanza e denunciati per contraffazione.

Più informazioni su