Quantcast

Controlli straordinari, due ristoranti sanzionati e sei persone denunciate

Roma – Nei giorni scorsi i Carabinieri della Compagnia di Ostia, con il supporto dei colleghi del N.A.S e del N.I.L. di Roma, hanno svolto un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati predatori, in materia di armi e stupefacenti, nonché teso a verificare il rispetto delle norme igienico-sanitarie, sulla sicurezza alimentare e sui contratti di lavoro da parte degli esercizi commerciali.

Il servizio ha portato a sei deferimenti in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Roma per vari reati, alla segnalazione alla Prefettura di tre consumatori di sostanze stupefacenti e ad elevare sanzioni amministrative a due esercizi di ristorazione.

In particolare, i Carabinieri delle Stazione di Ostia, Ponte Galeria e della Sezione Radiomobile della Compagnia di Ostia, in diverse circostanze, hanno deferito due soggetti, un 38enne e un 35enne, già gravati da precedenti di polizia, per il reato di possesso di chiavi alterate e grimaldelli, essendo stati fermati in strada con vari arnesi da scasso, senza giustificato motivo e in orario e luogo sospetto.

Un altro 35enne di origine tunisina, con precedenti di polizia, è stato fermato subito dopo aver asportato da un locale supermercato generi alimentari di non prima necessità, del valoro di 50 euro e quindi deferito per furto aggravato.

Nella rete dei controlli sono finiti anche un 39enne di origine romena e un 50enne romano, trovati in possesso rispettivamente di una ascia, nascosta nel ciclomotore in uso, e di un coltello con lama di 10 cm, armi portate senza giustificato motivo in luogo pubblico e sottoposte a sequestro.

Nel contesto degli interventi per la prevenzione e repressione dello smercio e consumo di sostanze stupefacenti, i militari hanno deferito un 40enne di origini albanesi, ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, venendo trovato in possesso di due dosi di cocaina e di 420 euro in contanti, ritenuti provento dell’attività illecita, ed hanno segnalato all’Autorità prefettizia tre giovani, trovati in possesso di singole dosi di hashish e marijuana.

Infine, nell’ambito delle attività di verifica sul rispetto delle norme di sicurezza alimentare e sul luogo di lavoro, i Carabinieri della Compagnia di Ostia con il supporto specialistico dei colleghi del N.A.S e del N.I.L. hanno controllato alcuni esercizi di ristorazione, due dei quali sanzionati per carenze igienico-sanitarie, per la mancanza di indicazioni obbligatorie sugli alimenti, per l’attivazione di un laboratorio alimentare senza autorizzazione, per l’assenza di locali spogliati, nonché per mancata affissione di cartellonistica e l’assenza di specifico materiale previsto dai protocolli obbligatori anti-covid. Nel corso dei controlli è stato anche sorpreso un lavoratore non contrattualizzato e impiegato “in nero”.

Ai due esercenti sono state elevate sanzioni pecuniarie per un ammontare complessivo di 7.700 euro, in attesa di eventuale sospensione delle attività in caso di mancata regolarizzazione delle violazioni accertate. (Agenzia Dire)