Quantcast

Controlli straordinari interforze, due attività chiuse

Roma – Gli agenti della Polizia di Stato e della Polizia Locale di Roma Capitale con gli Ispettori del S.I.A.N. della ASL Roma 2, hanno effettuato controlli su strada e a 3 esercizi commerciali nella zona di Casilino.

In particolare, i posti di controllo sono stati svolti dal Reparto Prevenzione Crimine Lazio mentre i Nibbio dell’U.P.G.S.P. della Questura svolgevano attività antirapina.

I poliziotti del VI Distretto Casilino, insieme ad un’unità cinofila, gli agenti del VI Gruppo Torri della Polizia Locale di Roma Capitale e il S.I.A.N. della ASL Roma 2, hanno controllato 3 diversi esercizi commerciali, per 2 dei quali è stato avviato il provvedimento amministrativo per la chiusura provvisoria.

Nel primo esercizio di vicinato alimentare, per il quale è in corso il provvedimento della chiusura, sono state riscontrate gravi carenze igienico sanitarie, evidenziate anche dalla presenza di escrementi di topi negli stessi locali dove erano esposti i prodotti alimentari per la vendita al pubblico e sono state contestate 2 violazioni di carattere amministrativo, per un totale di 7.000,00 euro, per vendita di prodotti per i quali il titolare non aveva l’autorizzazione e per l’ampliamento della superficie di vendita.

Il secondo esercizio di vicinato che rischia la chiusura è alimentare e non: anche qui sono state riscontrate gravi carenze igienico sanitarie e sono state trovate feci di roditori negli ambienti in cui c’erano prodotti alimentari; sono stati sequestrati circa 90 chili di cibo tra merce di origine animale, ittica e vegetale, in quanto privi della prescritta tracciabilità e, per questo, è stata contestata una sanzione amministrativa pari a 1.500,00 euro.

In un’attività di scommesse sportive con annessa sala gioco sono stati trovati accesi dei dispositivi elettronici per il gioco lecito durante l’orario di sospensione in cui sarebbero dovuti essere spenti: tale comportamento ha portato all’emissione di una sanzione amministrativa di 150 euro; sono inoltre in corso accertamenti su un apparecchio VLT sprovvisto della prescritta certificazione A.A.M.S. (Agenzia Dire)