Coronavirus e acque di scarico, al via rete di sorveglianza epidemiologica

Più informazioni su

    Coronavirus e acque di scarico, al via rete di sorveglianza epidemiologica

    Prende il via SARI (Sorveglianza Ambientale Reflue in Italia), il progetto di sorveglianza epidemiologica di Sars-Cov-2 attraverso l’analisi delle acque reflue urbane, che fornirà indicazioni utili sull’andamento epidemico e sull’allerta precoce di focolai nelle prossime fasi dell’emergenza.

    Una rete di strutture territoriali che, con il coordinamento tecnico-scientifico dell’Istituto Superiore di Sanità e del Coordinamento Interregionale della Prevenzione, Commissione Salute, della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, analizzerà la presenza di tracce del virus nelle acque reflue a fini di monitoraggio preventivo sulla presenza di Sars-Cov-2.

    “Gli studi italiani – osserva Luca Lucentini, Direttore del Reparto di qualità dell’acqua e Salute dell’ISS – hanno dimostrato l’importanza di costruire una rete capillare di sorveglianza in grado di restituire in tempo quasi-reale la fotografia dell’andamento dei contagi nei contesti regionali e locali, evidenziando come questo approccio può anticipare la conoscenza sui luoghi di circolazione del virus nel nostro Paese”-.

    La rete del progetto SARI includerà strutture territoriali quali ARPA, ASL, IZS, Università, centri di ricerca e gestori del servizio idrico integrato: grazie anche al supporto di Utilitalia (la Federazione delle imprese idriche, ambientali ed energetiche), oltre 50 gestori hanno aderito su base volontaria al progetto, mettendo a disposizione specifiche competenze e proprie strutture.

    I campioni, che  verranno  prelevati prima dell’ingresso delle acque di scarico nei depuratori dei centri urbani, potranno essere utilizzati come ‘spia’ di circolazione del virus nella popolazione.

    Le prime analisi hanno già consentito di rilevare RNA di SARS-COV-2 in diverse aree del territorio nazionale nel corso dell’epidemia; inoltre, indagini retrospettive su campioni di archivio, hanno rivelato la circolazione del virus in alcune aree del Nord in periodi antecedenti la notifica dei prima casi di COVID-19.

    Il programma di lavoro si articola in due fasi. Una prima, su base volontaria e autofinanziata dai partecipanti il progetto – che prenderà il via nel mese di luglio – sarà focalizzata su una rete pilota di siti prioritari, come le località turistiche.

    La seconda fase – attivabile da ottobre sulla base delle risorse disponibili – prevede una rete di sorveglianza a livello nazionale, focalizzata sugli aggregati urbani, con la possibilità di realizzare anche monitoraggi flessibili e capillari (come quartieri cittadini e siti di depurazione di aeroporti), funzionali alle necessità di prevenzione sanitaria delle diverse aree territoriali, in base agli scenari epidemiologici.

    Le analisi svolte da tutte le strutture seguiranno un protocollo condiviso messo a punto dall’ISS, verso il quale confluiranno con metodi armonizzati i dati raccolti nel territorio; l’Istituto Superiore di Sanità potrà anche svolgere approfondimenti analitici e curerà l’aggiornamento e l’elaborazione dati su piattaforma GIS (Sistema Informativo Geografico) per la condivisione con le Autorità Sanitarie centrali e regionali.

    “Stiamo lavorando con molte Regioni per attivare – spiega  Francesca Russo, del Coordinamento Interregionale di Prevenzione – la fase pilota e valutare se questo approccio può fornire contributi a supporto delle fondamentali informazioni della sorveglianza integrata, microbiologica ed epidemiologica in corso, soprattutto nel periodo autunnale che resta una fase cruciale nell’evoluzione del possibile scenario epidemico”.  (R.L.)

     

    Più informazioni su