RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Curtatone. Scontri polizia e occupanti – video

Più informazioni su

Cronaca di Roma – Sono stati sgomberati alle prime ore del mattino i giardini di piazza Indipendenza, abusivamente occupati da circa 100 cittadini stranieri già occupanti di via Curtatone.

Cronaca di Roma - scontri

Cronaca di Roma – scontri

L’intervento si è reso urgente e necessario dopo il rifiuto di ieri ad accettare una sistemazione alloggiativa offerta dal comune di Roma, ma soprattutto per le informazioni di alto rischio pervenute, inerenti il possesso da parte degli occupanti di bombole di gas e bottiglie incendiarie.

All’atto dell’intervento infatti, spiega una nota della Questura di Roma, le forze dell’ordine sono state aggredite con lancio di sassi e bottiglie.

Utilizzate bombole di gas aperte messe in sicurezza grazie al repentino intervento dei poliziotti. Usato contro gli agenti anche peperoncino. L’uso dell’idrante ha evitato che venissero accesi fuochi e liquidi infiammabili. Due fermati al momento.

“Dopo averli buttati in mezzo a una strada da stamattina cariche e idranti per sgomberarli da piazza Indipendenza. Si procede senza un’idea, senza sapere cosa fare se non mostrare i muscoli a persone indifese, con regolare permesso di soggiorno, con lo status di rifugiati politici, con bambini che vanno a scuola. Siamo in presenza di istituzioni irresponsabili.” Lo afferma in una nota Adriano Labbucci, Segretario Sinistra Italiana Roma Area Metropolitana, che prosegue: “Il Comune incapace su tutto, con la sindaca troppo impegnata a cambiare l’ennesimo assessore, la Regione Lazio non pervenuta. Se dopo la riunione di ieri del Comitato per l’ordine e la sicurezza il risultato e’ questo, cambiamogli nome: Comitato per il disordine e l’insicurezza, perche’ solo di questo Comune, Prefettura e Questura sono stati capaci. L’invito che faccio,a tutti e a tutte coloro che non si rassegnano a questo declino etico ed ideale, a questa totale assenza di idee, e’ di ritrovarci a breve per dimostrare che esiste un’altra Roma, capace ancora di indignarsi ma anche di avanzare idee e proposte per uscire da questa vergogna”.

Più informazioni su