Droga e scommesse abusive, chiusi 5 circoli privati

Più informazioni su

    Altri 5 provvedimenti di chiusura sono stati adottati dal Questore di Roma sulla base dei riscontri emersi all’esito di ancora un’ulteriore ondata di controlli che la polizia amministrativa e i commissariati delle zone interessate hanno effettuato nelle ultime 48 ore. Alla base dei provvedimenti giri di droga scoperti presso un circolo al Prenestino, e ancora sale giochi e punti di raccolta scommesse abusivi scoperti dagli agenti. Il primo a cadere nella rete dei controlli è stato A.G., proprietario di un circolo privato, nel quartiere Pigneto, adibito a un vero e proprio «circolo» di droga. Già da qualche giorno gli agenti del commissariato Prenestino tenevano sotto «osservazione» il locale. Negli ultimi giorni, appostati in abiti civili nei pressi dell’entrata, hanno notato un uomo, M.F., scendere da un’auto di grossa cilindrata e dirigersi all’interno del locale con una busta tra le mani. Gli agenti lo hanno seguito fin dentro al locale. Sono riusciti così a sorprenderlo mentre si avvicinava al proprietario del circolo e gli consegnava la busta. Gli agenti lo hanno bloccato immediatamente. All’interno della busta gli agenti hanno trovato circa 20 grammi di cocaina. A quel punto i poliziotti hanno passato al setaccio tutto il locale. Altri 30 grammi di cocaina e un bilancino di precisione sono stati trovati nascosti dietro a dei video poker. Sotto la cassa del bar gli agenti hanno rinvenuto, invece, marijuana. Una fessura ricavata all’interno di un mobile, era invece, il nascondiglio utilizzato dai due spacciatori per nascondere soldi e contabilità: all’interno infatti gli agenti hanno trovato 700 euro in contanti e una serie di manoscritti riportanti nomi e cifre riconducibili all’attività di spaccio. M.F., 54enne romano e A.G., 59enne originario di Frosinone sono stati arrestati per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Per il locale è scattata la chiusura. Cessazione dell’attività anche per il titolare di un bar a Morena che, oltre ad essere privo di regolare licenza, esercitava l’attività abusiva di raccolta di scommesse. Gli agenti della polizia amministrativa hanno sorpreso alcuni avventori intenti ad effettuare scommesse sportive «clandestine». Il titolare, un romano di 58 anni, è stato denunciato per esercizio abusivo di attività di accettazione delle scommesse in assenza dell’autorizzazione prevista dall’amministrazione autonoma Monopoli di Stato. I controlli degli agenti dell’amministrativa hanno interessato anche un circolo privato in zona Giardinetti. Nei locali dell’associazione gli agenti hanno trovato quattro video giochi illecitamente detenuti poichè sprovvisti del nulla osta e della targhetta identificativa rilasciate dalle autorità competenti. Per il proprietario è scattata la sospensione della licenza. I video giochi illegali sono stati, invece, posti sotto sequestro. Altri 4 videogiochi illegali sprovvisti del codice identificativo e del nulla osta dell’amministrazione dei Monopoli di stato sono stati sequestrati in un bar in zona Torpignattara. All’interno del locale gli agenti del commissariato hanno trovato anche due apparecchiature telematiche illegali per il gioco d’azzardo. Per il titolare del locale è scattata la denuncia. Sono in corso ulteriori accertamenti per l’adozione dei provvedimenti del caso. Un circolo privato in zona Trullo, invece, era stato adibito a «bisca» clandestina. Quando le forze dell’ordine sono entrate nel circolo privato di via del Trullo hanno trovato alcuni avventori intenti a giocare a «zecchinetta» con un «banco» di circa 1500 euro. L’associazione era priva anche di autorizzazione amministrativa. Il Questore di Roma ha disposto la cessazione immediata dell’attività abusiva con la conseguente chiusura del locale. Per i responsabili dell’attività è scattata la denuncia per esercizio abusivo di gioco d’azzardo. Sospensione della licenza anche per un bar in località Fonte Nuova dove il 28 ottobre scorso era rimasta ferita una persona. Nei servizi sono state coinvolte anche le psicologhe della Questura di Roma per il monitoraggio di eventuali forme di ludopatia.

    Più informazioni su