Esplosione in hotel, operai e dipendenti feriti non sono gravi

Più informazioni su

Roma – Non sono gravi i tre feriti nell’esplosione di una caldaia avvenuta all’interno dell’hotel Mercure di via Reggio Calabria a Roma. Hanno riportato ustioni generiche sul corpo. Si tratta di padre e figlio, manutentori, ricoverati all’ospedale San Giovanni, e di un dipendente dell’hotel, ricoverato al Vannini, che li aveva accompagnati nel locale caldaie per effettuare la manutenzione in vista della ripresa dell’attivita’ dell’hotel chiuso per Covid.

Una probabile fuga di gas a cui e’ seguita un’esplosione. Questa la prima ricostruzione effettuata dai Vigili del fuoco al termine del sopralluogo nell’hotel Mercure di via Reggio Calabria a Roma, dove intorno alle 13 tre persone sono rimaste ferite in seguito alla deflagrazione avvenuta in un locale caldaie all’ultimo piano della struttura. Le cause esatte, secondo i tecnici, restano da accertare.

“Abbiamo temuto il peggio. Ho visto uno dei feriti uscire con un lenzuolo addosso, ma camminava sulle sue gambe, per fortuna”. A parlare e’ il responsabile del ristorante ‘Cus Cus’ che si trova a pochi metri dall’hotel Mercure di via Reggio Calabria a Roma, dove tre persone sono rimaste ustionate in seguito a un’esplosione avvenuta all’interno del locale caldaie. “Mi dispiace quanto e’ accaduto, quella persona la conosco, viene sempre da noi”.

Più informazioni su