RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Fiamme Gialle in sede Ama: raccolti documenti vicenda bilanci non approvati

Roma – Militari della Guardia di Finanza si sono recati questa mattina nella sede di Ama di via Calderon De La Barca dove hanno acquisito, su delega della Procura di Roma, alcuni documenti relativi ai bilanci 2017 e 2018 della municipalizzata dei rifiuti che l’azienda ancora non ha approvato nonostante i termini siano abbondantemente scaduti.

I magistrati inquirenti capitolini hanno due fascicoli aperti sulla vicenda dei conti non approvati, in particolare quello del 2017. C’e’ una prima indagine che vede iscritte 4 persone per il reato tentata concussione ai danni dell’ex capo dipartimento Ambiente di Roma Capitale, Rosalba Matassa, tra cui l’assessore al Bilancio, Gianni Lemmetti, e il direttore generale, Franco Giampaoletti. Su questa indagine la Procura aveva chiesto l’archiviazione ma il Gip del Tribunale l’ha respinta disponendo altri sei mesi di indagini. Un secondo fascicolo, al momento contro ignoti e scaturito dalle indagini della Procura della Corte dei Conti del Lazio, riguarda proprio la mancata approvazione del bilancio 2017, che nelle prossime ore dovrebbe vedere il via libera (almeno come progetto di bilancio) da parte dell’amministratore unico di Ama, Stefano Zaghis.

La Guardia di Finanza nei giorni scorsi aveva gia’ richiesto all’azienda la documentazione in questione e oggi si e’ trattato semplicemente di ritirarla. Parallelamente all’inchiesta della Procura di Roma viaggia quella per danno erariale della Corte dei Conti regionale che si appresta a quantificare il danno e a procedere alle iscrizioni dei responsabili.

L’oggetto dell’indagine dei magistrati contabili riguarda non solo la vicenda dei 18 milioni di crediti (secondo Ama ma non riconosciuti dal Campidoglio) per i servizi cimiteriali, ma anche i 40 per le opere, i crediti Tari, altri crediti pendenti del passato, i contenziosi giudiziari con altri operatori e il la vicenda del Centro Carni.