RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Finita la fuga della direttrice dell’ufficio postale di Castel San Pietro Romano che era scappata con due milioni di euro

Più informazioni su

Ha avuto fine la fuga della direttrice-impiegata dell’ufficio postale di Castel San Pietro Romano, che si era divulgata con un bottino di oltre due milioni di euro sottratti a pensionati e risparmiatori. Daniela Paponetti, 57 anni, originaria della provincia de l’Aquila, ma residente a Zagarolo, è stata arrestata in Svizzera dalla polizia del Cantone dei Grigioni a Samnaun, l’antico paradiso dei contrabbandieri nel triangolo formato da Svizzera, l’Austria e Italia, ora amena località di vacanze per gli amanti delle escursioni e degli sport invernali. Alla sua localizzazione si è giunti a seguito di una complessa serie di operazioni di coordinamento ed ad un proficuo raccordo investigativo che ha visto in campo la Compagnia Carabinieri di Palestrina, che ha condotto sin dall’inizio le indagini sotto la direzione della Procura della Repubblica di Tivoli, l’Interpol e le Autorità elvetiche. La donna da 15 anni lavorava come direttrice e unica impiegata nel piccolo ufficio postale nel grazioso borgo di «Pane, amore e fantasia» a Castel San Pietro Romano, piccolo comune a pochi chilometri da Palestrina, riuscendo nel tempo a conquistare la fiducia di tutti. Tanti erano i risparmiatori, anche dai vicini Comuni, ad affidarle i soldi. La fiducia le ha consentito, nel tempo, di avere quelle libertà, attraverso piccoli trucchi e spericolate manovre contabili, che le avrebbero consentito di accantonare, con una lenta e costante sparizione di danaro, una cifra considerevole fino al 5 maggio 2011, quando aveva deciso che sarebbe stato l’ultimo suo giorno da direttrice. Aveva anche calcolato che l’indomani ci sarebbe stato uno sciopero e poi il week end. Aveva congegnato un piano quasi perfetto che le ha permesso di pianificare la fuga con tre giorni di vantaggio sugli investigatori, i quali una volta scoperta la truffa, non l’avrebbero più trovata perchè aveva già raggiunto indisturbata la Svizzera. La donna non aveva dato più notizie di sè nemmeno ai congiunti che, allarmati, solo lunedì 9 maggio si erano rivolti ai Carabinieri della Compagnia di Palestrina per segnalare la scomparsa, di cui poi si era anche occupata la trasmissione «Chi l’ha visto?». Da quel giorno è stata avviata la ricerca incessante della donna, che si è protratta per mesi, fino alla certezza della sua presenza sul territorio svizzero. Da qui la richiesta di estradizione avviata dalla Procura della Repubblica di Tivoli basata sulle minuziose risultanze investigative dei Carabinieri, fondate, anzitutto, sulle denunce rese da oltre una sessantina di ignari risparmiatori – tra cui anche il primo cittadino del centro preneste – e dall’analisi della scrupolosa e puntuale ricostruzione contabile avviata, anche ai fini del risarcimento, dagli organi ispettivi delle Poste Italiane per quantificare l’ammanco di danaro, per lo più riutilizzato dalla ex direttrice per tentare accanitamente la fortuna nel gioco e solo in piccola parte rinvenuto e sequestrato su alcuni conti bancari a lei riferibili. La Paponetti era stata indagata per truffa e peculato, reati per i quali è stato emesso il provvedimento di cattura. A giorni il trasferimento della donna al confine italo-svizzero per la consegna sul territorio nazionale ai Carabinieri, per poi essere rinchiusa nel carcere di Rebibbia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.