RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Italia-All Blacks: stadio Olimpico tutto esaurito per il rugby foto

Roma – Il primo tutto esaurito della stagione allo stadio Olimpico di Roma arriva grazie… al rugby. A 24 ore da Lazio-Milan di campionato e a 3 giorni da Roma-Real Madrid di Champions, per un soffio e’ proprio la sfida tra Italia e i mitici All Blacks che arriva il primo tutto esaurito, o quasi, della stagione. Il traguardo dei 60mila biglietti venduti e’ ormai ad un passo, risultato neanche sfiorato dal primo match clou di quest’anno nell’impianto romano, ovvero il derby Roma-Lazio: era il 29 settembre, gli spettatori furono ‘solo’ 47mila. Domani arriva quindi la Nuova Zelanda campione del mondo in carica, che si porta dietro fascino, forza, potenza. E l’Haka, la storica danza maori resa famosa dalla nazionale dei ‘Tutti Neri’.

Come da tradizione nei pressi dell’Olimpico sara’ allestita l’area del Terzo Tempo, in cui si ballera’, cantera’ e si gustera’ birra in totale tranquillita’. Storicamente, infatti, ‘attorno’ alle sfide di rugby la birra e’ sempre circolata a fiumi, ma senza conseguenze serie come magari succede nel calcio. Il Terzo Tempo sara’ un momento di festa e condivisione “per gustare una birra di qualita’” e per cantare le canzoni del gruppo Le Vibrazioni, che saranno ospiti del dopo gara sul palco allestito nei pressi dello stadio.

Inoltre, i tifosi potranno bere birra e tornare a casa in tutta sicurezza. Infatti, per tutti gli spettatori del Test Match, un codice promozionale che permettera’ di sfruttare una corsa in taxi. “Sara’ una bella sfida, importante non solo a livello fisico ma anche di intensita’ di gioco- ha detto alla vigilia Leonardo Ghiraldini, capitano della Nazionale- Sono abituati a giocare ad una intensita’ molto elevata”. Sfidare la Nuova Zelanda significa ritrovarsi di nuovo di fronte l’Haka.

Nel 2007, durante il Mondiale in Francia, fece discutere la scelta degli azzurri di posizionarsi a cerchio durante l’esibizione della danza: “Questa volta l’affronteremo nel modo classico, quello di sempre”, ha spiegato Ghiraldini.