Quantcast

Lesioni e maltrattamenti verso compagne, arrestati tre uomini

Roma – Maltrattamenti e lesioni: tre gli arrestati a Roma dalla Polizia di Stato. Il primo a finire in carcere è stato un 41enne di Velletri. La vittima lo aveva conosciuto circa un anno e mezzo fa e dopo qualche tempo era andata a convivere con lo lui. I rapporti tra di loro erano via via degenerati in un crescendo di violenza nei confronti della donna.

Il compagno, infatti, come denunciato dalla vittima, nell’ultimo episodio avvenuto l’11 agosto scorso, l’aveva ferita con una tazza provocandole un taglio all’avambraccio con lesione di un tendine e conseguente ricovero in ospedale con 30 giorni di prognosi.

Gli investigatori del commissariato di Anzio, recatisi in ospedale, avevano ascoltato le dichiarazioni della donna: continue violenze, minacce subite, oltre a costrizioni fisiche e psicologiche messe in atto dal compagno, con il divieto di frequentare o incontrare altre persone senza il suo consenso, il non poter mangiare se non con lui e il controllo della rubrica del cellulare con la cancellazione di tutti i contatti.

Dopo la dimissione dall’ospedale, la donna aveva presentato la denuncia contro il compagno. In un precedente episodio l’uomo, nel corso di un litigio in macchina, per impedirle di scendere dall’auto, aveva accelerato la corsa e perso il controllo del mezzo. Nella circostanza la donna aveva riportato la frattura della III vertebra lombare con una prognosi di 25 giorni.

Dopo una attenta indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Velletri, che ha emesso nei confronti dell’uomo un’ ordinanza di custodia cautelare in carcere, gli agenti della Polizia di Stato hanno arrestato il 41enne, definito da alcuni conoscenti uno ‘sciamano’.

È stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate e, su disposizione dell’autorità giudiziaria, accompagnato in carcere anche un cittadino bengalese di 56 anni. Una lite scaturita da futili motivi si sarebbe potuta trasformare in tragedia se la Polizia di Stato non fosse intervenuta nel giro di pochi minuti.

Erano circa le 17.00 di ieri quando al 112 è arrivata la richiesta di aiuto di una ragazza perché i genitori stavano litigando ed il padre minacciava di uccidere la madre: immediatamente sono arrivate 3 pattuglie, 2 del commissariato Prati ed 1 del commissariato Monte Mario, che hanno trovato figlia e madre sul pianerottolo, quest’ultima sanguinante per una ferita alla testa.

Dall’interno dell’appartamento provenivano grida d’aiuto da parte del figlio che cercava di trattenere l’uomo che continuava ad urlare: ‘Lasciami che l’ammazzo!’.

A quel punto- mentre alcuni agenti sono rimasti fuori con le due donne per proteggerle, nel caso in cui il 56enne fosse riuscito a sopraffare il ragazzo e ad uscire- gli altri, grazie ad una scala fornita da un condomino e ad una porta finestra aperta, sono entrati nell’abitazione della famiglia, al primo piano, dove hanno trovato mobili spostati, televisore ribaltato a terra, pezzi di vetro e parecchie macchie di sangue.

Una volta divisi i due, i poliziotti hanno ricostruito l’accaduto grazie al racconto di madre e figli: scaturita una lite tra i genitori per futili motivi, il padre aveva poi perso le staffe arrivando a minacciare di morte la moglie e a colpirla alla testa con una bottiglia di vetro. Solo grazie all’intervento del ragazzo, le donne sono riuscite a scappare e a chiamare il 112.

I familiari hanno inoltre dichiarato che non era la prima volta che il 56enne era violento con loro, sia verbalmente che fisicamente, ma che non si erano mai rivolti alle forze dell’ordine per paura di peggiorare la situazione. La vittima, trasportata in codice giallo al pronto soccorso, è stata medicata e giudicata guaribile in 15 giorni.

Dovrà rispondere del reato di stalking, resistenza a pubblico ufficiale, nonché di lesioni personali anche un 47enne romano. Il fatto è accaduto alle 16.30 di ieri, quando la sala operativa della Questura ha inviato in zona Val Cannuta gli agenti della Sezione Volanti e alcuni colleghi del XIV Distretto Primavalle per una richiesta di aiuto da parte di una donna, minacciata dal suo ex fidanzato.

Arrivati sul posto, i poliziotti hanno immediatamente preso contatti con la donna, la quale ha riferito che poco prima il suo ex, come già avvenuto in altri episodi- dopo averle fatto numerose telefonate nel corso delle quali l’aveva anche minacciata di morte e di percosse- si è presentato sotto casa, con il solo intento di continuare con le minacce, e poi si è allontanato, dopo averle detto che avrebbe chiamato le forze dell’ordine.

Molto scossa ed impaurita e con una regione oculare sinistra tumefatta, rivolgendosi ai poliziotti ha precisato che la lesione le era stata provocata il giorno prima e che temeva per la propria vita. Durante la loro presenza, la vittima ha ricevuto diverse telefonate, tutte messe in vivavoce per farle ascoltare agli agenti, in cui il 47enne la minacciava di morte.

I poliziotti si sono allora trattenuti nell’abitazione, al fine di scongiurare il peggio. Dopo pochi minuti l’aggressore è tornato a fare visita alla donna, ma ad aspettarlo questa volta ha trovato gli agenti che, raggiunto in strada, lo hanno immobilizzato, nonostante avesse tentato di allontanarsi spintonandoli.

La vittima, dopo essere stata trasportata in ospedale per le cure mediche, dove le è stato riscontrato un trauma emivolto da aggressione, è stata accompagnata negli uffici di polizia, per sporgere denuncia. Raccolte tutte le informazioni utili, per l’uomo sono scattate le manette. (Agenzia Dire)