RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Morto impiccato detenuto a Regina Coeli

Più informazioni su

Non c’è pace nel carcere romano di Regina Coeli. “Apprendiamo che un detenuto bosniaco, di anni 30, per reato di tentato omicidio, si è impicciato alla grata del bagno. Il detenuto ubicato terzo piano seconda sezione, stessa sezione dove morì il detenuto 22 enne, 170 detenuti in sezione con un solo agente a vigilare quattro piani” lo rende noto il sindacato penitenziario Fns Cisl.

regina coeli

regina coeli

“Solo ieri un altro evento critico dove un detenuto  si era arrampicato dal cortile dell’ottava sezione al finestrone del terzo piano usando i fili del parafulmine presenti lungo il muro e salito per protesta sul finestrone del terzo piano: da lì ha chiesto di parlare con la direttrice dell’istituto.

Suicidi -Ultimo caso 24 febbraio CC Regina Coleli un detenuto italiano di 22 anni si è impiccato utilizzando un lenzuolo legato alla grata del bagno nel carcere romano di Regina Coeli- Il tutto è accaduto alle 23.00 nella seconda sezione terzo piano -sezione dove erano presenti 167 detenuti- Detenuto problematico che era evaso per ben tre volte dalla REMS di Ceccano.

Dato nazionale 2015 : 43 suicidi e 123 totale morti
Dato nazionale 2016: 39 suicidi e 120 totale morti

Dato nazionale 2017: suicidi 10- totali morti 19

Ne Lazio 2017 sono tre morti ( Cassino 7/1/2016 malattia ) -Regina Coeli ( 23/2/2017 suicidio )-  Velletri ( 7/1/2017 suicidio)

Il personale invece risulta sottodimensionato rispetto alle esigenze reali.

Attualmente mancano nel Lazio negli Istituti Penitenziari A.P. 465 unità (4.052 previsti rispetto agli attuali 3.587).

Purtroppo evidenziamo come seppur vi sono stati interventi leglislativi nelle carceri restano i soliti problemi , sovraffollamneto dei detenuti e cronica carenza di personale di Polizia Penitenziaria” conclude la nota della Fns Cisl.

Più informazioni su