Quantcast

Movida, controlli del fine settimana della Polizia Locale

Più informazioni su

    Movida, controlli del fine settimana: Polizia Locale interviene per due aggressioni in zona Trastevere e San Lorenzo. Una persona arrestata.

    Nel corso di questo fine settimana sono proseguiti i controlli da parte della Polizia Locale in diverse località della Capitale per far rispettare le misure per la tutela della salute pubblica, con isolamenti temporanei di alcune piazze in zona San Lorenzo e piazza Bologna dovuti alla formazione di assembramenti.

    Diversi gli interventi eseguiti ieri sera dalle pattuglie per alcuni episodi di aggressione che hanno avuto luogo nei quartieri di Trastevere e San Lorenzo. Oltre 50 gli illeciti contestati e tre i provvedimenti di chiusura di minimarket per vendita di alcolici oltre l’orario consentito, anche a minori.

    A pochi passi da piazza Santa Maria in Trastevere, un cittadino di nazionalità inglese di 24 anni è stato arrestato dai caschi bianchi dopo aver colpito con una bottiglia un 25enne. I fatti sono avvenuti intorno alle 21,00: gli agenti hanno bloccato immediatamente l’aggressore, prestando anche le prime cure al giovane che è stato trasportato all’ospedale Santo Spirito per una ferita alla testa. Ulteriori accertamenti sono in corso sulle cause dell’accaduto.
    A San Lorenzo le pattuglie della Polizia Locale, in servizio di controllo nelle vie della movida, hanno soccorso una ragazza di 15 e un ragazzo di 18 anni che mostravano alcune ferite. Si ipotizza siano riconducibili ad una lite avvenuta in precedenza. Sul caso sono state avviate indagini per risalire alla dinamica dei fatti e sono al vaglio le immagini di videosorveglianza della zona.

    Decine di pattuglie sono state impegnate fino a tarda sera anche per una manifestazione di centinaia di ciclisti, che dal pomeriggio di ieri si sono riversati in diverse strade della città. Gli agenti hanno presidiato incroci e gestito la viabilità delle zone interessate, cercando di tutelare la sicurezza di cittadini e manifestanti.

    Più informazioni su