RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Napoli. Truffa all’asl: ricette rubate, esami costosi mai fatti

Più informazioni su

Napoli. Truffa all’asl: ricette rubate, esami costosi mai fatti –

I militari della Stazione di Napoli-Posillipo hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari – emessa dal gip del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura – nei confronti di 2 indagate (un’ex assistente di un medico di base ed un’amministratrice di un
centro diagnostico) ritenute responsabili di truffa ai danni di ente pubblico, appropriazione indebita e falso.

L’indagine, condotta dalla Stazione Napoli-Posillipo sin dal 2015, ha
consentito di documentare nell’anno 2016 le condotte poste in essere dalle due indagate, finalizzate ad ottenere dal Servizio Sanitario Nazionale indebiti rimborsi di prestazioni sanitarie falsificate ovvero inesistenti.

In particolare la sottrazione di numerose ricette in bianco dallo studio di un medico di base di Napoli, commessa dalla sua assistente; ∙ l”utilizzo delle ricette sottratte da parte di un centro diagnostico di Napoli, che dopo averle compilate e sottoscritte, oltre a corredarle anche di pareri di medici specialistici (tutto falso ed ai danni di ignari pazienti e medici), venivano, quindi, inviate all’Asl di Napoli per ottenere il rimborso della relativa prestazione, in verità mai eseguita.

Gli esami mai effettuati erano selezionati tra quelli più costosi, così che agli ignari pazienti risultavano essere stati effettuati delicate ed approfondite indagini molecolari.

Ciò è valso, con poco più di qualche centinaio di prescrizioni, ad ottenere
rimborsi per un danno all’Erario calcolato in circa 80.000 euro (per
la parte documentale accertata).

Per tale motivo, contestualmente alla misura cautelare personale si è dato esecuzione al sequestro di beni per equivalente nei confronti dell’indagata che riveste la figura di amministratrice e legale rappresentante del centro diagnostico in argomento che, allo stesso tempo ha visto avviata la procedura per la sospensione della convenzione in atto con il servizio sanitario nazionale – in virtù della quale il laboratorio operava ed accedeva ai
rimborsi statali.

Più informazioni su