Nettuno, folla ai funerali dei due ragazzi deceduti nell’incidente stradale lunedì scorso

Più informazioni su

    chiesa di S. Maria Goretti

    Gremita di persone, tantissimi i giovani, la chiesa di S. Maria Goretti, a Nettuno, dove oggi pomeriggio si sono svolti i funerali di Alessio Voltan, 19 anni, e Alessandro Perilli, 21 anni, i due giovani deceduti lunedì mattina in un incidente stradale sulla provinciale Nettuno Velletri, mentre rientravano a casa dopo una notte di divertimento a Roma. Una bara bianca per l’uno, una di legno chiaro sormontata dalla bandiera della Lazio per l’altro, e i loro amici che le hanno portate a spalla all’entrata e all’uscita dalla chiesa. Quasi tutti indossavano una maglietta bianca con una bella foto dei due giovani abbracciati. Il sacerdote nell’omelia ha detto: «Tutta la città è angosciata per quanto accaduto, per queste due giovani vite strappate alle loro mamme, ai papà, ai fratelli e sorelle, alle fidanzate. Ma la fede ci dice che sono andati in un posto dal quale ora ci sono vicini». Al termine una ragazza, a nome dei tanti amici, ha letto un saluto ricordando il sorriso di Alessandro e la forza di Alessio. Poi, fra un volo di palloncini biancocelesti, l’inno della Lazio, tante corone di fiori, le due bare sono state portate al cimitero, seguite dai genitori distrutti e dai tanti che hanno voluto dare l’ultimo saluto ai due ragazzi. Intanto migliorano le condizioni di Angelo Massarelli, 18 anni, il terzo giovane che era nella Panda di proprietà di Voltan. Ricoverato al San Camillo di Roma in prognosi riservata, ora è stato staccato dal respiratore e riesce a respirare autonomamente, rispondendo anche con dei gesti a semplici richieste. In miglioramento pure le condizioni dei due occupanti del furgone Doblò con cui si è scontrata la Panda, ricoverati con fratture varie agli Ospedali Riuniti di Anzio Nettuno. La procura di Velletri ha aperto un fascicolo sull’incidente per stabilirne le cause.

     

    Più informazioni su