Nettuno, picchiano minorenni che provocano scoppio di petardi

Più informazioni su

    È stata l’esplosione di alcuni petardi a scatenare una lite conclusasi in una vera e propria aggressione ad alcuni minorenni. È successo ieri a Nettuno (Roma) e due pregiudicati sono stati arrestati dalla polizia del commissariato di Anzio. Nel tardo pomeriggio di ieri infatti il rumore provocato dallo scoppio di alcuni petardi, nella piazza del mercato a Nettuno, ha provocato l’ira di alcuni passanti, intimoriti e sorpresi dal violento frastuono. Un commerciante della zona, irritato da quanto accaduto, ha notato un giovane che passeggiava in strada e ritenendolo responsabile di quelle esplosioni, lo ha raggiunto e lo ha colpito con uno schiaffo. Il giovane, di 17 anni, è caduto a terra e ha perso il casco che portava in mano. Si è rialzato tentando di difendersi, ma l’uomo ha raccolto il casco e lo ha colpito nuovamente. Anche la fidanzata del giovane, intervenuta in suo soccorso insieme ad un’amica ha tentato di calmare l’uomo, ma quest’ultimo ha colpito con calci e pugni anche le due giovani minorenni. Pochi istanti dopo è intervenuto in appoggio dell’aggressore anche un altro uomo che ha ferito con un’arma da taglio il giovane che intanto si era rialzato e stava cercando di difendere le due ragazze. I due uomini si sono poi allontanati cercando di far perdere le loro tracce. Gli investigatori del commissariato di Anzio, diretto da Fabrizio Mancini, intervenuti in seguito ad alcune segnalazioni giunte al 113, sono giunti in breve tempo sul posto. Hanno ascoltato il racconto di alcune persone che hanno assistito all’aggressione, tracciando gli «identikit» dei due uomini. I due sono stati individuati poco dopo dagli agenti del commissariato di Anzio. M.V.,51 enne in regime di semilibertà e L.C. 27enne, entrambi campani e con diversi precedenti penali, sono stati arrestati per lesioni personali aggravate.

    Più informazioni su