Quantcast

Nomentano: Polizia salva 55enne da suicidio

Più informazioni su

Roma – Nella tarda mattinata di ieri, la sala operativa della Questura di Roma ha allertato le volanti del Commissariato San Lorenzo, diretto da Luigi Mangino, per un probabile suicidio in atto in un ufficio di via Giuseppe Antonio Guattani. Sul posto, gli agenti sono stati contattati dai colleghi del 55enne preoccupati, poiche’ l’uomo, in “smart working” presso il proprio domicilio, si era presentato in ufficio dicendo di dover prelevare delle mascherine.

In realta’, una volta entrato nella stanza, aveva iniziato a ferirsi con un taglia carte, chiudendosi poi all’interno e minacciando il suicidio. Uno dei poliziotti allora si e’ sdraiato a terra, tentando di sbirciare all’interno della stanza, cosi’ e’ riuscito ad intravedere la sagoma della persona in bilico sulla finestra aperta. Gli agenti a quel punto hanno forzato piano la porta per non allarmare l’uomo e, una volta all’interno, lo hanno trovato seduto sulla finestra con lo sguardo fisso nel vuoto e una mano sanguinante, mentre con l’altra impugnava un taglierino da ufficio.

Alla vista dei poliziotti l’uomo e’ uscito dal suo stato di torpore e ha iniziato a gridare, intimando loro di non avvicinarsi o si sarebbe gettato nel vuoto. Gli agenti cosi’ hanno instaurato un dialogo con lui nel tentativo di calmarlo e distrarlo dai suoi propositi. Poi, in maniera decisa si sono avvicinati e gli hanno sottratto il taglierino dalle mani, per poi allontanarlo dalla finestra. Quindi in attesa dell’ambulanza, hanno tamponato le numerose ferite che l’uomo si era autoinflitto sulle braccia, fino all’arrivo del personale sanitario che lo ha soccorso, accompagnandolo al vicino ospedale.

Più informazioni su