RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Palermo, hacker tentavano di rubare 40 milioni al Monte dei Paschi di Siena

Più informazioni su

Le banche, stanche di essere rapinate, tengono pochi soldi in cassa, per avere somme rilevanti in contanti bisogna prenotarle. Ma i criminali hanno trovato un altro modo di sottrarre danaro alle banche: ricorrono all’informatica e all’ausilio di esperti hacker. Ma stavolta l’impresa non ha avuto successo.

Avrebbero tentato di sottrarre 40 milioni di euro dai conti del Monte dei Paschi di Siena, attraverso l’accesso abusivo al sistema informatico e telematico del Gruppo Mps. E’ quanto emerge dall’inchiesta della Procura di Palermo su una serie di truffe a banche e società finanziarie che oggi ha portato all’arresto di 27 persone.

Nel marzo 2010, Lorenzo Romano titolare della “Adivisor Team”, aveva cercato di organizzare insieme ad altri complici, la sottrazione, di somme per un ammontare complessivo di circa 40 milioni dai conti denominati “Cassa previdenza nazionale dipendenti MPS” e “Fondo pensione complementare dipendenti Mps”, esistenti nella sede centrale della banca senese.

Il denaro, una volta sottratto, sarebbe stato trasferito in un conto corrente della “Falcon Bank” di Zurigo e da li’, tramite successive operazioni “estero su estero”, in paradisi fiscali oltreoceano. Per compiere la truffa sarebbero stati utilizzati da quattro abilissimi operatori informatici.

I carabinieri che hanno condotto l’indagine avrebbero fatto luce anche su una rapina di quasi due miliardi di lire consumata il 2 maggio 1995 a Messina, ai danni di una filiale del Monte dei Paschi di Siena.

Più informazioni su