RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Parmitano: da spazio osserviamo cambiamenti Terra, sogno di andare sulla Luna

Roma – “Dallo spazio noi siamo colpiti dalla fragilita’ della nostra Terra. Siamo abituati a concepire il pianeta come qualcosa di statico, ma dalla nostra stazione la vediamo cambiare, negli ultimi anni sempre in peggio”.

“Riusciamo a vedere come tutti gli eventi siano collegati tra di loro e come l’influenza degli esseri umani stia cambiando il pianeta e la natura. Questa sensazione di fragilita’ e tristezza resta con noi quando rimettiamo piede sulla terra”. Cosi’ l’astronauta Luca Parmitano in collegamento dallo spazio, rispondendo alle domande degli studenti presenti nella sede dell’Asi.

PARMITANO: SOGNO NEL CASSETTO? ANDARE SULLA LUNA

Roma – “Sogni nel cassetto? Ogni austronauta ha la speranza un giorno di poter andare sulla Luna. E anche io ho questa forte speranza che un giorno possa accadere”. Cosi’ l’astronauta Luca Parmitano in collegamento dallo spazio, rispondendo alle domande degli studenti presenti nella sede dell’Asi.

PARMITANO: SACRIFICI NON LI FA L’ASTRONAUTA MA CHI CI STA VICINO

“I piu’ grandi sacrifici in questo lavoro non sono quelli che faccio io ma quelli di chi mi sta vicino. Quindi la mia famiglia, le mie figlie. La nostra e’ una scelta per la realizzazione di un progetto di vita ma in questo percorso ci trasciniamo vittime inconsapevoli: quando saluto le mie figlie do loro un grande dispiacere”.

“Noi trasciniamo nel sacrificio persone che non hanno fatto la nostra stessa scelta”. Cosi’ l’astronauta Luca Parmitano in collegamento dallo spazio, rispondendo alle domande degli studenti presenti nella sede dell’Asi.

PARMITANO: LATO PIÙ TRISTE È RISENTIRE GRAVITÀ SU TERRA

Roma – “La cosa piu’ strana che accade a noi astronauti dal punto di vista fisico quando torniamo sulla terra riguarda il fatto che la liberta’ di movimento che diamo per scontata svanisce immediatamente, e con essa anche la memoria della stessa”.

“Con la gravita’ ti dimentichi subito cosa vuol dire sapersi muovere in maniera armonica e libera, questa e’ la cosa piu’ triste di questo lavoro”. Cosi’ l’astronauta Luca Parmitano in collegamento dallo spazio, rispondendo alle domande degli studenti presenti nella sede dell’Asi.