RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Piazza Cinquecento, distribuiva preservativi stupefacenti

Più informazioni su

Tra piazza Cinquecento e la stazione Termini il «via vai» ininterrotto di persone, spesso è sfruttato per attuare le più diverse iniziative: dalla promozione di prodotti con la distribuzione gratuita alla raccolta di firme. In questo contesto H.N., 27enne tunisino, ha deciso di incontrare i propri clienti, indossando una maglietta con scritte inneggianti all’amore libero, distribuiva ai suoi clienti «preservativi stupefacenti». Gli agenti del commissariato Viminale, diretto da Carmine Belfiore, hanno notato però lo strano comportamento del giovane. Invece di avvicinare tutti i passanti per proporre i contraccettivi a titolo gratuito, aspettava di essere avvicinato. Dopo un’attenta osservazione il poliziotto che ha seguito la scena da vicino ha fatto un cenno al collega ed è scattato il controllo. Nelle tasche del tunisino oltre all’incasso delle sue vendite, gli agenti hanno trovato la droga confezionata in dosi. Dopo gli accertamenti di rito verrà arrestato per detenzione e spaccio di sostanza stupefacente. Un altro piano studiato e organizzato quasi alla perfezione quello di M.B., romano di 33 anni, nel quartiere di San Basilio. Per spacciare droga ed eludere i controlli della Polizia si faceva aiutare da due complici pronti a segnalare il passaggio di auto delle forze dell’ordine davanti ad un bar. Scoperto il trucco, gli agenti del Commissariato San Basilio, diretto da Adriano Lauro, si sono organizzati. Un investigatore in borghese ha evitato le vedette e si è appostato davanti al bar di via Corinaldo, teatro dello spaccio, in modo da osservare i movimenti delle persone. Dopo pochi minuti il poliziotto ha assistito allo scambio di droga tra gli occupanti di un’auto ed un uomo, proprio vicino al bar. Sono allora scattati i controlli, che hanno permesso di sequestrare la dose appena acquistata e quelle in possesso dello spacciatore. Nonostante il pusher le avesse abilmente appallottolate in un tovagliolo, poi lanciato sotto un’auto parcheggiata al primo sentore di pericolo, gli agenti hanno recuperato le 26 dosi di cocaina già pronte per la vendita. Nelle tasche dell’uomo, anche 1.350 euro, sequestrati come provento dello spaccio. Al termine degli accertamenti M.B è stato arrestato e risponderà di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente.

Più informazioni su