Ragazza morta nel gioco erotico, torna in libertà l’ingegnere

Più informazioni su

    È tornato in libertà per decorrenza dei termini Soter Mulè, l’ingegnere romano agli arresti domiciliari dal 12 settembre scorso accusato dell’omicidio colposo di Paola Caputo, 24 anni, morta durante un gioco erotico in un garage alla periferia della Capitale. La giovane studentessa leccese morì nella notte tra il 9 e il 10 settembre scorso per soffocamento da impiccagione. Insieme a Mulè, esperto di shibari, e alla vittima nel vano caldaia era presente un’altra ragazza rimasta ferita.

    Più informazioni su