RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Roma: al Righi via esami di maturità, ‘masse e propaganda’ tema prescelto

Di seguito alcune testimonianze dei ragazzi del liceo scientifico Augusto Righi di Roma. Per loro oggi ha avuto il via l'esame valido per la maturità 2018.

Roma – Di seguito alcune testimonianze dei ragazzi del liceo scientifico Augusto Righi di Roma. Per loro oggi ha avuto il via l’esame valido per la maturità 2018.

“Avevo già scelto di non fare l’analisi del testo, e questo mi è sembrato il tema più interessante da trattare”. racconta lo studente. Francesco, invece, ha scelto la traccia storico-politica su masse e propaganda, una delle più gettonate per gli studenti del liceo scientifico romano. Perché “si avvicinava di più agli argomenti di filosofia toccati durante l’anno, come il pensiero di Hannah Arendt e Freud”.

Ma sono tanti anche i ragazzi che hanno optato per il tema socio-economico sulla creatività, perché “era il meno rischioso e quello in cui potevo esprimere meglio la mia preparazione”, dice Matteo. Pochi invece gli studenti che hanno scelto l’analisi del testo su Bassani, sconosciuto per quasi tutti i maturandi. “Sinceramente non so neanche chi sia”, ammette uno dei ragazzi.

“Le tracce erano belle, ma poco originali e centrate tutte sugli stessi temi- commenta Flavia, che ha optato per la traccia sulla solitudine-. L’unico spunto originale che mi sarebbe piaciuto fare era il tema sull’articolo 3 della costituzione, ma servivano conoscenze tecniche che non avevo”. Fuori dalla scuola i ragazzi abbracciano i loro vocabolari e sembrano sereni, adesso la tensione è tutta per la prova di domani, il test di matematica che per Paolo è un vero incubo. “Non so come andrà, ammette, so solo che ci vorrà un miracolo”.

Ma per la maggior parte di loro ad essere più temuta è la terza prova, il quiz a risposta multipla che dovranno affrontare lunedì prossimo. “A preoccuparmi è il tempo a disposizione e le tante materie richieste, dice Matteo. Ma la prova più difficile per me sara’ l’orale, quando saremo soli davanti tutta la commissione”.