RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Roma: al via domani prima udienza Casamonica per fatti Roxy bar

Più informazioni su

Roma – “Inizia domani a Roma la prima udienza del processo contro il clan dei Casamonica per i fatti successi al bar Roxy della Romanina dove lo scorso maggio e’ stata aggredita una ragazza disabile. Libera si costituira’ parte civile del processo e come cittadini responsabili seguiremo le udienze per dire con chiarezza da che parte stare e per sostenere i magistrati nella ricerca della verita’.

L’antimafia e’ per noi innanzitutto un esercizio di partecipazione collettiva, per questo e’ importante costituirsi parte civile nel processo contro i Casamonica che per anni hanno condizionato la vita economica e democratica della Capitale. Le infiltrazioni mafiose, che interessano questo territorio come ormai la maggior parte delle zone del Paese, si contrastano con la repressione e gli strumenti giudiziari, ma il primo e imprescindibile strumento rimane il risveglio delle coscienze e l’orgoglio di una comunita’ che antepone il bene comune e la giustizia sociale alle speculazioni e ai privilegi, contrastando in tutte le sedi la criminalita’ organizzata e i suoi complici. Essere presenti nelle aule dei tribunali per dare un segnale forte perche’ non si costruisce giustizia senza la ricerca della verita’.

Ad accompagnare la delegazione di Libera, di cui faranno parte tra gli altri l’avv. Enza Rando, l’avv. Vasaturo, Giuseppe De Marzo e Marco Genovese, anche i rappresentanti dei Comitati di cittadini della Romanina, della rete di giornalisti No Bavaglio, dei movimenti per il diritto all’abitare, della Cgil, della cooperazione sociale e di altre realta’ sociali impegnate in citta’ con attivita’ di contrasto alle disuguaglianze, alla poverta’ e alle mafie nella Rete dei Numeri Pari. Un fatto importante che segnala una crescita di consapevolezza, di attenzione e di partecipazione su questioni cosi’ importanti per la vita di tutti e per la qualita’ della democrazia”. Cosi’ in una nota stampa Libera.

Più informazioni su