RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Roma: artista Bevilacqua ci racconta Capitale vista dal tram foto

Roma – Roma e la sua storia raccontata dai finestrini del tram. Gli acquerelli dell’artista Franco Bevilacqua, accompagnati dalla narrazione di Claudio Colaiacomo e raccolti in ‘Roma dal tram – Le meraviglie che si incontrano lungo i binari’, compongono il libro pubblicato da edizioni Ponte Sisto e presentato oggi al Polo museale di Atac.

Qui dove l’azienda punta ad ampliare l’offerta di attivita’ culturali, tra i tram di una Roma che fu, quando la postazione per il bigliettaio a bordo non era una novita’ ma la normalita’, la collezione di acquerelli di Bevilacqua ha trovato la giusta cornice. Dice l’artista: “Questa e’ una collezione lontana da una realta’, dove ormai chi viaggia sul mezzo pubblico passa quasi tutto il tempo con la testa bassa a guardare il cellulare anziche’ guardare fuori dal finestrino. Il tram, oltre a essere per me un luogo di incontro, e’ sempre stato il mezzo pubblico che passava nei posti piu belli di Roma. E questa e’ la prospettiva che ho voluto offrire”.

Il libro ripercorre la storia di Roma con aneddoti, curiosita’, cenni storici e autobiografici sul rapporto indissolubile tra la citta’, i romani e il mezzo di trasporto pubblico piu’ longevo e poetico della Capitale. Ad arricchire e rendere affascinante il plot narrativo, oltre 140 tavole che riproducono gli acquerelli dell’illustratore e vignettista Franco Bevilacqua. Scorci suggestivi della Citta’ eterna, impressi nella memoria dell’artista in viaggio sui tram, sembrano rendere immagini piu’ vivide delle fotografie.

Si colgono cosi’ panorami inattesi dell’isola Tiberina vista da ponte Garibaldi a bordo del tram 8. Il Colosseo dal punto di vista contrario all’iconografia imperante che si puo’ ammirare dal capolinea del tram 3 al Celio. La nascosta e poco conosciuta porta Alchemica all’interno del parco di piazza Vittorio che solo un occhio attento puo’ scorgere a bordo dei tram 5 e 14. La prefazione all’opera a cura di Paolo Guzzanti, infine, svela il rapporto tra Atac e la biografia del giornalista e scrittore, figlio di un dirigente dell’azienda di trasporto pubblico negli anni ’60.