RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Roma: associazione a delinquere, riciclaggio e bancarotta fraudolenta, 9 arresti

Roma – Dalle prime ore della mattinata, circa cento finanzieri del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria della Guardia di Finanza di Roma, a conclusione di una complessa attivita’ investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica capitolina, stanno dando esecuzione a un’ordinanza emessa dal gip del Tribunale di Roma impositiva di misure cautelari personali nei confronti di tredici persone (tre in carcere, sei agli arresti domiciliari e quattro divieti di esercitare attivita’ d’impresa per la durata di 12 mesi), gravemente indiziate, a vario titolo, di associazione per delinquere, ‘fatture false’, riciclaggio di proventi illeciti e bancarotta fraudolenta.

Contestualmente, si sta procedendo al sequestro di denaro, unita’ immobiliari e autovetture per un valore complessivo di circa 15 milioni di euro. Le indagini (l’operazione e’ stata chiamata ‘Dedalo’) hanno consentito di approfondire la fase esecutiva di un appalto pubblico di 490 milioni di euro, affidato nel 2014 dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti a un consorzio d’imprese (denominato ‘Postemotori’) per la gestione e rendicontazione dei pagamenti dei corrispettivi (tramite bollettini postali) dovuti dall’utenza, tra l’altro, per la revisione delle autovetture.

Piu’ in particolare, le investigazioni hanno permesso di appurare la creazione, da parte di una societa’ consorziata, di fondi occulti, successivamente trasferiti in denaro contante da due referenti societari, con cadenza settimanale, nelle mani di un soggetto collettore, incaricato della materiale custodia della provvista, dapprima in una propria cantina e successivamente in una cassetta di sicurezza, dove nel corso di una perquisizione sono stati rinvenuti circa 500 mila euro.