RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Roma. Controlli antidroga a Tor Bella Monaca e Tor Vergata

Più informazioni su

Roma. Controlli antidroga a Tor Bella Monaca e Tor Vergata: tre arresti. Sequestrare altre 639 dosi di cocaina – per un peso complessivo di oltre 320 grammi – e 370 dosi di eroina – corrispondenti a circa 250 grammi – nascoste sul terrazzo della palazzina.

Rimane alta l’attenzione dei Carabinieri della Compagnia di Frascati sul fronte dello spaccio di droga, soprattutto tra i più giovani. A conclusione di due distinte attività scattate nelle piazze di spaccio di Tor Bella Monaca e di Tor Vergata, a Roma, sono finiti in manette tre giovani pusher, tutti romani, due di 21 e uno di 16 anni, sorpresi nel pieno delle loro attivita’ illecite.

Cronaca di Roma - Carabinieri

Cronaca di Roma – Carabinieri

In largo Ferruccio Mengaroni, i Carabinieri della Stazione Roma Tor Bella Monaca hanno notato il ragazzo minorenne, gia’ conosciuto alle forze dell’ordine, che sostava in atteggiamento sospetto in strada.

Durante il controllo, dalle sue tasche sono spuntate ben 43 dosi di cocaina pronte per essere vendute. Le successive perquisizioni scattate nella sua abitazione hanno consentito ai Carabinieri di sequestrare altre 639 dosi di cocaina – per un peso complessivo di oltre 320 grammi – e 370 dosi di eroina – corrispondenti a circa 250 grammi – nascoste sul terrazzo della palazzina.

Poco dopo, i Carabinieri della Stazione Roma Tor Vergata hanno ‘pizzicato’ due ragazzi, entrambi 21enni e conosciuti alle forze dell’ordine, mentre stavano contrattando con un loro conoscente il prezzo per la cessione di alcune dosi di marijuana. Oltre alle dosi sequestrate sul posto, i militari hanno eseguito le perquisizioni nelle rispettive abitazioni sequestrando complessivamente 12 dosi di marijuana, 2 di hashish e oltre 400 euro ritenuti provento della loro illecita attività.

Lo spacciatore minorenne e’ stato accompagnato nel Centro di prima accoglienza di via Virginia Agnelli mentre i due maggiorenni sono stati posti agli arresti domiciliari nelle rispettive abitazioni. Rimangono tutti a disposizione dell’Autorità giudiziaria di fronte alla quale dovranno rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Più informazioni su