RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Roma: morto Adriano Ossicini, inventò il “Morbo K”

Roma – Si è spento oggi al Fatebenefratelli Isola-Tiberina, il medico Adriano Ossicini, uno dei protagonisti del “Morbo K”, sempre ricordato per l’alto valore umano e professionale dimostrato nel dare rifugio a numerosi ebrei romani durante la persecuzione nazista, proprio nell’Ospedale in cui ha speso i suoi ultimi giorni.

Nel Nosocomio all’Isola fu infatti allievo e stretto collaboratore dell’allora primario, Giovanni Borromeo, che, sostenuto dal Priore dell’epoca, Fra Maurizio Bialek, inventò la pericolosa malattia che riuscì ad allontanare l’esercito nazista dal reparto d’isolamento (la sigla K sta infatti per l’ufficiale tedesco Kappler o il Generale Kesserling), dopo la retata del 16 ottobre 1943.

Adriano  Ossicini, nato a Roma il 20 giugno 1920, psichiatra e politico italiano, ex-partigiano, è stato per lunghi anni parlamentare, ha ricoperto gli incarichi di  vice Presidente del Senato e di Ministro per la Famiglia e la Solidarietà Sociale nel Governo Dini.

Il Professore era ricoverato da diversi giorni nel Reparto di Ortopedia del Nosocomio per le conseguenze di una caduta: il decesso è avvenuto nelle prime ore del mattino. Era l’unico dei medici del Nosocomio di quegli anni ancora in vita.

Attraverso i suoi scritti e le sue testimonianze, Ossicini ha ricordato fino agli ultimi giorni della sua vita, anche a parenti e ad amici che venivano a trovarlo dopo il ricovero, quegli anni di resistenza, il suo periodo giovanile con il Professor Borromeo e gli episodi accaduti nell’Ospedale che lo ha accompagnato negli ultimi istanti.

Ricordando questa storia si vuole rendere omaggio al medico e a tutti coloro che con quotidiana devozione e straordinario coraggio rischiarono la vita: una storia straordinaria di accoglienza che rappresenta nella forma più alta la filosofia e la tradizione di ospitalità di questo Ospedale, “Casa di Vita”, e dell’Ordine Ospedaliero dei Fatebenefratelli.

La camera ardente è allestita in Senato a partire dalle 16 di oggi e fino alle 20 di sabato.