RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Roma: Sequestrate centinaia di dosi di droga

Questa e' solo una delle attività che, dall'inizio del mese, ha portato i Falchi della Questura di Roma ad arrestare numerose persone. Responsabili per la maggior parte di reati riguardanti gli stupefacenti.

Più informazioni su

Roma – Il risultato è il sequestro 100 dosi di cocaina, 130 di marijuana e 360 di hashish. Si tratta dell’operazione condotta dagli agenti della Polizia di Stato della VI Sezione Contrasto al Crimine diffuso della Squadra Mobile. L’ufficio investigativo della Polizia di Stato, impegnato da sempre nel contrasto alle forme di criminalità più diffuse sul territorio cittadino.

Dalle prime ore del pomeriggio di ieri, i Falchi hanno iniziato il pattugliamento del quartiere Casilino, notando subito un sospetto andirivieni dall’interno di un plesso abitativo. I poliziotti, in borghese, si sono appostati in una posizione di osservazione defilata. La loro attenzione veniva attratta soprattutto da un appartamento ubicato a piano terra ove hanno eseguito una perquisizione. Il malvivente che vi risiedeva appena ha udito l’intimazione ad aprire la porta, pensando di assicurarsi l’impunita’, ha gettato dalla finestra un involucro contenente della sostanza stupefacente.

Nulla da fare per il malvivente

L’escamotage messo in atto però non ha sortito il suo effetto. Infatti i Falchi in ‘agguato’ sotto le finestre dell’appartamento, hanno intercettato e sequestrato il pacco furbescamente lanciato. L’involucro conteneva 100 dosi di cocaina, 130 dosi di marijuana e 360 dosi di hashish. Era destinato probabilmente a rifornire le piazze di spaccio di Tor Bella Monaca. L’individuo, classe 1985, con vari precedenti di polizia, e’ stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

Quella descritta e’ solo una delle attività che, dall’inizio del mese, ha portato i Falchi della Questura di Roma ad arrestare numerose persone. Responsabili per la maggior parte di reati riguardanti gli stupefacenti. Ma ovviamente l’impegno non ha trascurato i reati cosi’ detti predatori. A tale attività si aggiunge quella condotta quotidianamente dai Commissariati. Che, unitamente agli uffici investigativi, fronteggiano gli scenari criminali capitolini ad ogni livello, soprattutto nelle zone più degradate della Capitale.

Più informazioni su