RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Roma: si getta in mare per evitare cattura, recuperato da Capitaneria di Porto

Più informazioni su

Roma – I Carabinieri della Stazione di Nettuno hanno arrestato un 23enne di Aprilia, con precedenti, con le accuse di furto aggravato, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e porto abusivo di arma da taglio. Nella notte tra sabato e domenica, i Carabinieri sono intervenuti nel centro di Anzio dove erano state segnalate effrazioni, mediante la rottura delle vetrine, di alcuni esercizi commerciali.

Giunti sul posto, i militari hanno effettuato una verifica nei negozi danneggiati per un primo sopralluogo e, in uno di questi, hanno sorpreso il giovane con volto coperto che, alla loro vista, ha iniziato a scagliargli contro sedie e oggetti vari colpendo e ferendo un Carabiniere all’avambraccio, per poi riuscire ad uscire e ad allontanarsi di corsa. Ne e’ scaturito quindi un vero e proprio inseguimento a piedi che dal centro e’ proseguito fino al porto.

Il malvivente, nel tentativo di far perdere le proprie tracce, ha iniziato a saltare da una barca all’altra, ma vistosi ormai senza vie di fuga, si e’ tuffato in acqua nell’ultimo tentativo di seminare i Carabinieri, rimanendo attaccato al parabordo di una imbarcazione. I militari hanno poi richiesto l’ausilio alla Capitaneria di Porto, la cui unita’ interveniva immediatamente, e grazie all’ottimo ed efficiente coordinamento, il 23enne e’ stato subito individuato.

Il suo recupero non si e’ rivelato semplice, soprattutto perche’ l’uomo, pur essendo in acqua, ha tentato in tutti i modi di evitare la cattura, mettendo a repentaglio la propria incolumita’. Grazie all’esperienza dei Carabinieri e dei militari dell’unita’ della Capitaneria di Porto, si e’ riusciti a far uscire il giovane e a bloccarlo.

Più informazioni su