RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Roma: Spaccio, due arresti in poche ore

Più informazioni su

Roma – Nell’ambito dell’attivita’ di contrasto allo spaccio di stupefacenti, gli agenti della Polizia di Stato, in due diverse operazioni, hanno assicurato alla giustizia due romani rispettivamente di 18 e 51 anni. Il primo a finire nella rete dei poliziotti e’ una persona che, malgrado la giovane eta’ aveva messo su una vera e propria base di spaccio all’interno di una cantina in zona Tor De’ Cenci.

Dopo una serie di accertamenti, con pedinamenti e appostamenti, gli investigatori del commissariato Esposizione, hanno deciso di passare all’azione. Ieri mattina sono andati a casa del giovane e durante la perquisizione della cantina hanno rinvenuto, su uno scaffale, una busta in cellophane con all’interno marijuana per un peso di circa 36 grammi mentre, all’interno di una scatola ulteriori 53 grammi della medesima sostanza e circa 1300 euro in contanti in banconote di piccolo taglio ed un bilancino di precisione.

Accompagnato negli uffici di polizia e’ stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Ha 51 anni invece un’altra persona, con vari precedenti di polizia, che ieri e’ finito in manette per il medesimo reato. Gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Prenestino, al termine di un’indagine, sono riusciti ad incastrare l’uomo. Bloccato sotto la propria abitazione di via Delia, all’atto del controllo questo ha manifestato subito insofferenza e nervosismo.

Perquisito, nascondeva negli slip un involucro in cellophane contenente 19 incarti termosaldati con all’interno cocaina per circa 6 grammi. A casa dello stesso, durante la perquisizione, i poliziotti hanno sequestrato 10 grammi di cocaina, 2 tavolette di hashish per un peso di circa 70 grammi, ulteriori frammenti della medesima sostanza per circa 4 grammi, due bilancini di precisione ed un foglio con nomi e cifre riconducibile all’attivita’ di spaccio. Rinvenuto anche un taglierino e materiale per il taglio dello sostanza.

Cosi’ in un comunicato la Questura di Roma.

Più informazioni su