RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Ruffo: non ho avuto paura, Carabinieri stanno facendo gran lavoro

Roma – In diretta a “Un Calcio Alla Radio”, trasmissione condotta da Umberto Chiariello su Radio CRC, e’ intervenuto Federico Ruffo, giornalista di Report. “In realta’- ha affermato Ruffo durante la trasmissione- ci ha salvato il cane. Io sono rientrato da Torino dove ero per lavoro e sono rientrato molto tardi e intorno alle 4 ho sentito il rumore della ciotola che si era ribaltata. Mi sono svegliato pensando che il cane fosse uscito e andato a mangiare alle 4 del mattino e invece lui era li’ con me e ha iniziato ad abbaiare. Ho capito che qualcosa non andava”.

“Ho aperto la porta per uscire in veranda e dopo un paio di passi sono scivolato e sono caduto in una pozza e c’era puzza di benzina a terra. Mi sono trovato tutto bagnato e ho capito quello che succedeva. Loro, pero’, erano gia’ scappati, forse messi in fuga dal cane. Io ho fatto le scale di corsa per vedere se i miei, che vivono al piano di sopra, stessero bene. Ho chiamato subito i carabinieri che sono stati velocissimi e devo dire che stanno lavorando in maniera certosina. Non ho capito da dove sono entrati. Per come e’ avvenuta questa cosa non mi sembra un lavoro da professionisti. Non avevo mai sentito di un attentatore che inciampa sulla ciotola di un cane. Non credo che i calabresi in questa fase perdano tempo in questo modo”.

“Aggiungete che il clima di odio nei miei confronti e di Ranucci negli ultimi tempi e’ stato grande. Non credo ci sia stata un’accusa che non ci sia stata rivolta in questi giorni. I carabinieri stanno lavorando in una maniera incredibile e stanno facendo un lavoro eccezionale. Io non saro’ ne’ il primo e ne’ l’ultimo. Sono cose che accadono in questo paese. Io ho paura? No assolutamente. Uno perche’ i carabinieri stanno facendo un grande lavoro. Ho avuto piu’ paura del clima che si e’ venuto a creare sui social e anche da una certa parte della stampa sportiva. Ho paura di trovarci isolati, nel senso che in questi momenti e’ importante fare quadrato e che tutti facciamo lo stesso lavoro e che questo si basa sul rispetto della verita’. I carabinieri sono sempre con noi. I miei sono abbastanza spaventati. C’e’ anche da fare un discorso, bisogna vedere lo spessore del criminale che hai di fronte”.

“Alla fine viene un momento in cui dobbiamo avere uno scatto di orgoglio ed e’ quello del fatto che noi facciamo il nostro lavoro ed e’ quello di raccontare la verita’. Loro fanno un non lavoro che e’ quello di rompere i coglioni. Puntata di report? Credo che il ruolo di D’angelo non sia mai stato in discussione. Non vi nascondo che per noi quella pagina non ci e’ piaciuta. Ad oggi non c’e’ mai stata una querela nel caso in cui vi fosse stata ci difenderemo in tribunale”.