Scontro fra tre auto, un morto e sei feriti

Più informazioni su

    Ennesimo incidente mortale ieri mattina verso le tre e mezzo nella periferia est. Un ragazzo di Carsoli, in provincia dell’Aquila, ha perso la vita e altri sei giovani sono rimasti feriti nello scontro tra tre auto avvenuto in via del Casale di San Basilio tra la Nomentana e la Tiburtina. Antonello Arcangeli, 25 anni, la vittima, era a bordo di una Mercedes classe A e stava rientrando in Abruzzo dopo aver passato la serata a Roma con quattro amici. La macchina era probabilmente diretta al Raccordo Anulare per poi immettersi sulla A24. All’improvviso l’impatto con una Lancia Y e con una Opel Tigra. La Mercedes si è rovesciata sulla fiancata destra, ci sono stati una serie di urti a catena e Arcangeli ha riportato ferite che lo hanno ucciso all’istante.
    I sanitari di un’ambulanza del 118 hanno cercato inutilmente di rianimare il venticinquenne abruzzese. Altri automezzi hanno portato via i feriti, uno dei quali è in codice rosso. I vigili urbani del VI Gruppo, intervenuti dopo pochi minuti, non hanno ancora ricostruito con esattezza la dinamica dell’incidente. Non è chiaro se la Mercedes sia stata urtata da un’auto proveniente da una strada laterale, se ci sia stato un sorpasso azzardata e, in caso, quale sia la macchina che ha innescato la carambola. I guidatori della Lancia Y e della Opela Tigra, entrambi romani, sono stati sentiti separatamente e gli agenti della Municipale contano di trarre qualche conclusione nei prossimi giorni.
    Arcangeli a Carsoli faceva lavoretti saltuari. Il papà guida una piccola azienda che vende prodotti per l’edilizia, la mamma un negozio di abbigliamento. Il giovane giorni fa era già finito sulle pagine del giornale on-line «Marsicalive». Mentre gironzolava con gli amici vicino Carsoli, aveva notato un cucciolo di volpe rimasto singolarmente in trappola tra due muri nel centro della cittadina abruzzese. I ragazzi si erano affannati per mezz’ora, con il rischio di essere morsi e graffiati, e alla fine erano riusciti a liberare l’animale.

    Più informazioni su