RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Sette licenze ritirate e cinque sospese dagli uomini della Questura

Più informazioni su

Un lavoro incessante quello della Divisione della Polizia Amministrativa della Questura di Roma, diretta dal dr. Edoardo Calabria che negli ultimi giorni, come disposto dal Questore Fulvio della Rocca, ha intensificato i controlli presso bar, pub, discoteche e affittacamere.

Al termine delle verifiche, cinque associazioni culturali, una discoteca e un bar si sono visti ritirare la licenza e le loro attività sono al momento cessate.

Sospensione della licenza invece per i gestori di tre bar, un pub e un affittacamere.

Diverse le motivazioni che hanno portato alla cessazione dell’attività delle cinque associazioni culturali. All’interno dei locali infatti, gli investigatori hanno sorpreso donne in procinto di prostituirsi, discoteche abusive prive di qualsiasi autorizzazione e persone intente a giocare al  texas hold’em.

Nel caso di una discoteca del centro storico, oltre all’esercizio abusivo, sono state riscontrate anche gravi turbative all’ordine pubblico. Negli ultimi tempi infatti, in diverse occasioni, le forze dell’ordine erano dovute intervenire per sedare risse e liti all’interno del locale.

Sospensione della licenza con chiusura dai 10 ai 90 giorni, nei  casi più gravi, per tre bar, un pub e un affittacamere.

In questi casi a determinare le sanzioni è stata la presenza di persone pregiudicate all’interno, la somministrazione di alcolici a minori o la presenza di spacciatori sorpresi a vendere droga all’interno dei locali.

Proprio la somministrazione di bevande alcoliche a minori, che in alcuni casi sono anche finiti in ospedale in coma etilico, è la motivazione che ha determinato la chiusura momentanea di un pub nel quartiere Prati.

Ad un bar alla Magliana, invece, è stato comminata la chiusura per 90 giorni in quanto i titolari sono stati sorpresi a spacciare sostanze stupefacenti all’interno del loro esercizio commerciale ed arrestati.

Quindici giorni di chiusura anche per un affittacamere, recidivo per la presenza di stranieri irregolari, nella zona di Porta Maggiore.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.