RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Lite condominiale finisce in tragedia

Più informazioni su

Si sono affrontati per l’ennesima volta nella tarda serata di ieri. La causa scatenante è stata il volume troppo alto della televisione: così due condomini sono finiti alle mani ed uno di loro ha estratto un coltello col quale ha ferito in pieno petto il rivale. Si tratta di una storia di vecchi rancori e dissidi che ieri sera sarebbe potuta finire in tragedia. Dopo la chiamata anonima al 112, i Carabinieri della Stazione di Roma Settecamini sono giunti tempestivamente all’uscita di un palazzo in zona Lunghezza del comune di Roma, dove hanno trovato riverso a terra ed in un lago di sangue un giovane romeno di 26 anni. La vittima, ancora cosciente, è riuscito a dare qualche indicazione ai militari che, dopo essersi assicurati dell’arrivo del 118, si sono messi subito alla ricerca dell’aggressore. L’uomo, un connazionale di 23 anni, è stato rintracciato all’interno del suo appartamento e ha cercato maldestramente di fornire un finto alibi. La contradditorietà delle sue dichiarazioni, le testimonianze e le tracce sui suoi vestiti, già infilati in lavatrice, hanno permesso agli uomini dell’Arma di identificarlo come l’autore dell’accoltellamento. Per lui si sono così aperte le porte del carcere di Roma Rebibbia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.