RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Sgombero Camping River, residenti avviati verso la città

Roma – Ventiquattro ore dopo la conclusione delle operazioni di sgombero, al Camping river sono rimaste solo le macerie. Il lento esodo degli ex residenti e’ iniziato intorno alla tarda mattinata di oggi. Se le 43 persone annunciate dal Campidoglio hanno accettato le soluzioni proposte, per tutti gli altri resta la strada. Intere famiglie con (pochi) effetti personali al seguito si sono avviati verso la citta’.

“Non so dove andremo- gridano in coro- non abbiamo piu’ niente, anche i nostri vestiti sono rimasti la’. Andremo a dormire sotto i ponti”. Ed e’ cosi’ che il piu’ grande timore prospettato alla vigilia prende forma: per un campo sgomberato, tanti altri abusivi rischiano di nascere. Dove? Per il momento le famiglie, con donne, uomini, bambini, anziani e anche qualche disabile, si sono sparpagliati tra Prima Porta, Labaro e Colli d’Oro.

“Abbiamo paura a restare insieme, se le forze dell’ordine ci trovano ci porta via i nostri bambini, siamo costretti a dividerci”, dicono. E la minaccia sui bambini sarebbe quella che li ha convinti ad abbandonare il presidio davanti al campo sgomberato davanti su via Tenuta Piccirilli: “Gli assistenti sociali- ha detto Adriana, madre di 2 figli, una con la sindrome di down- ci hanno detto che se non ce ne fossimo andati avrebbero potuto toglierci i nostri figli, non abbiamo avuto scelta”.

Irricevibile anche la proposta di andare nei vari centri di accoglienza della Capitale. Nessuno – a parte i casi piu’ estremi tra cui quello di Senada, madre di 10 figli – ha accettato di separarsi dal proprio marito e dal padre dei propri figli. “Sono 15 anni che sto con lui- ha detto alla Dire un’altra giovane donna- non ci separeremo, se lui andra’ a vivere per strada, lo faremo insieme”.