RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Stazione Metro C San Giovanni un viaggio nel tempo

Più informazioni su

Oggi, 1 aprile, è stata finalmente aperta al pubblico la nuova stazione della metro della linea C che collega il tratto Lodi San Giovanni. Questa stazione della metro è unica nel suo genere perché non si tratta solamente di un importante fermata che congiunge la linea C con la linea A, ma si tratta anche della prima metropolitana museo a Roma.  Infatti la stazione della metro San Giovanni si sovrappone in più livelli tematici: seguendo l’andamento stratigrafico e spiegando in modo chiaro, grazie a pannelli esplicativi e a schermi che raccontano la geologia e il grande lavoro di scavo che, prima di essere un lavoro di scavo per la costruzione della linea di metro, è stato un difficile lavoro di scavo archeologico.

A Roma basta iniziare un lavoro di scavo che si trovano monumenti e antichità. Ma quello che è stato trovato è qualcosa di colossale: un’azienda agricola del I secolo, la più vicina al centro di Roma che sia mai stata trovata. Era foderata di coccio pesto idraulico e, nelle dimensioni oggi note, dotata di un ingegnoso sistema d’irrigazione e grandi vasche che potevano conservare 4 milioni di litri d’acqua.  Infatti, scendendo nella metro, si fa letteralmente un salto nel passato scendendo step by step nelle diverse epoche storiche. Girando al livello della grande azienda agricola si vedono le condotte d’acqua e le tubazioni perfettamente intatte, che un tempo erano poste sotto pressione erogando l’acqua alle piante.

Nelle teche di vetro sono presenti i semi e  i noccioli delle piante come il pesco, da poco importato a Roma, si gira tra anfore e condutture d’acqua, statue, laterizi ecc. molti dei quali contrassegnati con la sigla LT. Poi si scende ancora di molto tempo per capire che qui, a San Giovanni, non c’è solo una stazione-museo ma un vero viaggio nel tempo. Giungendo al livello dei binari, dove corrono i treni senza pilota, si arriva al livello stratigrafico in cui l’uomo non era ancora apparso sulla terra.

La fermata si presenta come un corpo stazione di tre piani, profonda oltre 20 metri e con una superficie complessiva di 3mila metri quadrati. È presente un tunnel di collegamento con la linea A che però non è ancora operativo.

Finora (dall’avvio lavori nell’aprile 2007) sono state realizzati 22 km di linea e 22 stazioni (ad oggi funzionanti per 21 km, da Pantano, nella periferia est della capitale, a piazzale Lodi), per una spesa di 2,3 miliardi di euro.

Sono in corso i lavori da San Giovanni a Colosseo/Fori Imperiali.

Il completamento della tratta San Giovanni-Colosseo, da contratto 2006, era previsto entro ottobre 2013, termine poi aggiornato a fine 2021 in sede di progettazione esecutiva.

Linda Meleo, Assessore alla Città in movimento, ha spiegato che San Giovanni è “solo un primo passo. Questa stazione è di importanza strategica sotto tanti aspetti: archeologico, architettonico e funzionale perché ci sarà un collegamento con la linea A. Vogliamo aprirla entro l’anno, poi arriveremo ai Fori Imperiali entro 2021”

“È una stazione che potrebbe esserci solo a Roma, dove la trovate a Milano?”, si è chiesto in modo ironico Francesco Prosperetti, Soprintendente speciale per il Colosseo, il Museo nazionale romano e l’area archeologica di Roma.

Emiliano Salvatore

Più informazioni su