Tenta suicidio gettandosi nel Tevere, a fargli da zavorra zaino pieno di libri

Roma – Lo hanno visto sbracciarsi nelle acque del Tevere durante le prime ore di questa mattina. Ad essere soccorso nel corso d’acqua un romano di 66 anni, tuffatosi nel fiume con un pesante zaino sulle spalle colmo di libri antichi a fargli da peso.

La richiesta d’intervento attoro alle 6.30 di lunedì 7 ottobre all’altezza di Ponte Testaccio. Repentinamente si sono attivati i soccorsi, in arrivo sul posto col personale del 118, gli agenti delle volanti della Polizia di Stato e i vigili del fuoco intervenuti con una squadra ed il nucleo sommozzatori.

Con l’uomo alla mercé delle acque in grossa difficoltà i subacquei dei pompieri sono riusciti a recuperarlo all’altezza del ponte dell’Industria ed a riportarlo in sicurezza a riva.

Identificato per un cittadino italiano di 66 anni, lo stesso è stato affidato alle cure del 118 che lo ha trasportato all’ospedale San Camillo in codice rosso. Da capire i motivi che hanno spinto l’uomo a gettarsi nel Tevere, fra le ipotesi quella del tentato suicidio.