RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Termini, controlli ad alto impatto: denunce e droga sequestrata

Più informazioni su

Roma – Al termine di un controllo definito ad ‘Alto impatto’, nella zona della Stazione Termini sono state controllate più di 400 persone, controlli che hanno portato a denunce per possesso di stupefacenti e sequestri della droga stessa.

Proseguono i servizi di vigilanza e controllo nell’intera area della Capitale, con particolare riguardo alla prevenzione e repressione dei reati e al mantenimento del decoro urbano nella zona della stazione Termini, principale scalo ferroviario romano. I dispositivi di sicurezza, improntati a criteri di visibilita’ e prossimita’, sono stati concentrati, su disposizione del questore di Roma, Carmine Esposito, nel fondamentale snodo della stazione di Roma Termini. Un dedicato servizio di ‘Alto impatto’ ha visto ieri la massima collaborazione delle forze dell’ordine, nella circostanza, infatti, hanno partecipato gli Agenti dell’Upgsp, della Squadra Cinofili, del Reparto Prevenzione Crimine, del Reparto Mobile, della Polizia Scientifica, del commissariato Viminale, del Compartimento Polfer, nonche’ militari dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Polizia Locale Roma Capitale. Presente sul posto anche personale dell’Asl, dei Servizi Sociali di Roma Capitale e dell’Ama, per quanto di specifica competenza. Sono stati effettuati posti di controllo all’esterno e all’interno della stazione: 414 le persone controllate, di cui 196 straniere e 9 di quest’ultime accompagnate negli uffici di Polizia, con 7 fotosegnalamenti. Sono state denunciate 3 persone straniere per possesso di sostanze stupefacenti e sequestrati circa 21 grammi di marijuana. Controllati, inoltre, 38 veicoli con 16 contestazioni al Codice della strada. Nella circostanza si e’ proceduto anche al controllo di alcuni locali pubblici della zona. È stato affidato ai Servizi Sociali un senza fissa dimora che dormiva all’esterno della stazione. I servizi dedicati proseguiranno anche nelle prossime settimane.

Più informazioni su