RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Truffatore vestito da prete chiedeva l’elemosina denunciato

Più informazioni su

Vestito da prete chiedeva l’elemosina fingendo che servisse ad aiutare bambini disabili. Il truffatore e’ stato scoperto e denunciato dalla polizia per sostituzione di persona, esercizio abusivo di una professione, false dichiarazioni sull’identita’ personale e usurpazione di titoli. A far emergere il caso sono state le segnalazioni di alcuni cittadini romeni agli agenti del Commissariato Tor Carbone. Durante il servizio di appostamento di giovedi’ scorso, i poliziotti hanno individuato l’uomo e lo hanno riconosciuto perche’ in passato gia’ denunciato per lo stesso reato. L’uomo, proveniente da via Laurentina, vestito completamente di nero e con un vistoso crocefisso al collo aveva con se’ una valigetta nera e una agenda.

 Seguito a distanza, l’hanno visto avvicinarsi a un’autovettura ferma nei pressi del consolato romeno. Ha iniziato a parlare con una ragazza seduta all’interno del mezzo, le ha mostrato alcune fotografie e dopo aver ricevuto una banconota da 5 euro dalla donna, le ha consegnato l’effigie di un santino scrivendo qualcosa sull’agenda. Immediatamente bloccato l’uomo e’ stato identificato per C.A., romeno di 57 anni. All’interno dell’agenda i poliziotti hanno rilevato la presenza di numerosi nominativi di persone e le varie offerte elargite da queste.

Tra questi anche il nome della ragazza presente, anche lei romena che ha negato di aver dato i 5 euro all’uomo e che non ha voluto presentare alcuna denuncia in merito. All’interno della valigetta sono stati rinvenuti oltre ai numerosi santini anche fotografie di bambini disabili probabilmente utilizzate dall’uomo per impietosire le persone alle quali chiedeva l’elemosina. All’interno della borsa i poliziotti hanno sequestrato una tessera apparentemente rilasciata all’uomo dall’Arcidiocesi di Bucarest risultata falsa. Sequestrati anche 40 euro in banconote da 5 euro. Al termine degli accertamenti l’uomo e’ stato denunciato . (Adnkronos)

Più informazioni su