Vendono abusivamente generi alimentari su treni: sanzionati padre e figlio

Roma – Sanzioni amministrative per oltre 10 mila euro ed un corposo sequestro sono il risultato dell’attivita’ degli agenti della Polizia di Stato della squadra di Polizia amministrativa del Compartimento di Polizia Ferroviaria per il Lazio volta al contrasto della vendita abusiva di alimenti e bevande sui treni.

A bordo dei convogli regionali della tratta Roma-Orte, gli agenti della Polizia ferroviaria hanno sorpreso un cittadino italiano mentre vendeva alimenti, sprovvisto di ogni autorizzazione necessaria per tale attivita’ e munito di un attrezzatissimo carrellino portavivande con esposti contenitori termici per caffe’, the, panini, biscotti assortiti e bibite alcoliche ed analcoliche.

Una volta completata l’attivita’ amministrativa, gli agenti hanno ripreso il viaggio di ritorno verso la capitale, sorprendendo un altro soggetto intento a vendere, anch’egli abusivamente, alimenti e bevande munito inoltre di identica attrezzatura e varieta’ di beni offerti dall’uomo contravvenzionato poco prima.

Nel procedere all’identificazione la pattuglia hanno appurato che si trattava del figlio dell’uomo precedentemente sanzionato. Erano quindi padre e figlio ben organizzati per garantire il servizio abusivo, uno a bordo di treni verso nord e l’altro per i treni verso sud.