RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Viterbo, arrestati tre necrofori dell’ospedale, intermediari di agenzie funebri

Più informazioni su

Succede un po’ dappertutto, appena ti muore un parente ti trovi davanti, all’ospedale, nella camera mortuaria o addirittura già nella stanzetta un dipendente di un’agenzia funebre che ti propone un degno funerale, a prezzo salato. Chi lo ha avvertito? Qualche volta, per fortuna, il delatore di funerali viene scoperto e scopre che le sue segnalazioni sono un reato.

Prendevano soldi dalle agenzie funebri per fare da intermediari tra queste e i parenti dei defunti, per arrivare all’affidamento del servizio: arrestati tre addetti alla camera mortuaria dell’ospedale Belcolle di Viterbo, ritenuti responsabili in concorso del reato di corruzione continuata.

I carabinieri del Nucleo Investigativo del comando Provinciale di Viterbo stanno procedendo in queste ore all’esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei loro confronti. Come prova i militari hanno i risultati dell’attività investigativa, ovvero intercettazioni telefoniche e ambientali. I tre ricoprono un pubblico servizio con la qualifica di necrofori alla camera mortuaria dell’ospedale.

Gli indizi di colpevolezza vengono ritenuti gravi e riguardano ripetuti episodi di corruzione, consistiti appunto nell’accettazione di somme di denaro elargite da titolari e addetti di agenzie funebri compiacenti in cambio dell’intermediazione con i famigliari dei deceduti per l’affidamento del servizio funebre o in cambio di atti o servizi non dovuti e contrari ai propri doveri d’ufficio, in violazione degli obblighi di fedeltà ed imparzialità verso l’amministrazione pubblica di appartenenza.

L’attività investigativa ha avuto inizio lo scorso settembre ed è stata coordinata da Paola Conti della Procura della Repubblica di Viterbo.

Più informazioni su