Quantcast

Centinaio: Vino italiano prodotto di qualità e sostenibile

Più informazioni su

    Centinaio: Vino italiano prodotto di qualità e sostenibile. Settore leader e all’avanguardia in Ue – Ue chiede sforzi sempre maggiori ai produttori ma all’Europa possiamo dire che l’Italia del vino è pronta ad affrontare queste sfide –

    “In questo momento è importante fare il punto della situazione, è un momento storico e dobbiamo ripartire velocemente per dare risposte al settore del vino. Un settore che durante la pandemia ha vissuto i momenti peggiori” dichiara il Sottosegretario Mipaaf Gian Marco Centinaio nel corso dell’Assemblea Generale Uiv, in cui si è fatto il punto sul grande tema della transizione verso un nuovo modello di sviluppo che affronti la sfida alla sostenibilità, nelle sue tre declinazioni: ambientale, economica e sociale.

    “Il vino è il prodotto principe dell’agroalimentare italiano, ma in questo periodo di pandemia, con il canale horeca chiuso, questo è stato anche il settore che ha sofferto più di tutti gli altri. Dobbiamo allora recuperare il tempo perso e i mercati dormienti, ma anche il mercato interno. Questo ce lo chiede il settore per poter essere più efficaci. Il Ministero sta cercando di dare soluzioni, ci siamo dati alcuni regole e obiettivi confrontandoci con la filiera” prosegue Centinaio.

    “Siamo i primi in Europa ad aver fatto un decreto sulla sostenibilità nel settore del vino, a dimostrazione che siamo all’avanguardia ed anche questo è un biglietto da visita quando andiamo in giro per il mondo.

    “Si parla di sostenibilità ambientale, sociale ed economica e noi siamo già pronti ad affrontare queste sfide, non dobbiamo prendere lezioni da nessuno ma rilanciare e far vedere quanto siamo all’avanguardia. È un prodotto di qualità sostenibile il nostro vino” sottolinea Centinaio..

    Il Ministero è pronto ad utilizzare i fondi europei che arriveranno al nostro paese, dobbiamo dimostrare che siamo in grado di utilizzarli per rilanciare tutto l’agroalimentare italiano che oggi ha bisogno di una spinta ulteriore. Come ministero stiamo lavorando per portare avanti le istanze del settore e rispondere alle richieste dei produttori” ha concluso Centinaio.

    “Tutte le associazioni di categoria ci hanno chiesto il decreto sulla sostenibilità, il fatto di essere stati i primi in Europa ad aver approvato una misura del genere è l’esempio che l’Italia quando si parla di vino si conferma all’avanguardia. Questo è un biglietto da visita quando andiamo in giro per il mondo. Si parla tanto di sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Il nostro paese è già all’avanguardia e pronto ad affrontare queste sfide”. Lo ha evidenziato il sottosegretario alle Politiche agricole alimentari e forestali Gian Marco Centinaio intervenendo oggi all’Assemblea generale della Uiv.

    “Dopo la pandemia dobbiamo recuperare il tempo perso, i mercati che sono rimasti dormienti, ma soprattutto il mercato interno. Al Ministero stiamo lavorando per cercare di dare le risposte che il settore sta chiedendo e che merita. Ci siamo già incontrati con gli attori più importanti della filiera e stiamo cercando di evadere tutte le richieste”, ha aggiunto il sottosegretario.

    “Il nostro vino è un prodotto di qualità e sostenibile – ha evidenziato Centinaio -. Il Ministero è pronto a usare in modo efficiente ed efficace i fondi europei che arriveranno al nostro paese per rilanciare non solo questo settore ma tutto l’agroalimentare italiano che oggi ha bisogno di un’ulteriore spinta”.

    Più informazioni su