RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Polentone con ragù di pesce. Castel di Tora festeggia le sue tradizioni

Più informazioni su

Conto alla rovescia per il tradizionale “polentone” di Castel di Tora in provincia di Rieti. Il prossimo 26 febbraio, prima domenica di quaresima, la pro loco del paese, organizza la “Festa del polentone” tradizione secolare che celebra il piatto tipico condito con “sugo di magro”, un ragù a base di aringa, tonno, baccalà ed alici, una pietanza povera ma ricca di storia e sapori antichi. È la festa che segna l’inizio della quaresima.

Ai confini tra storia e leggenda, tra Carsoli e Rieti, posto sulle rive del Turano e circondato da una corona di fitti boschi sui quali domina severo il Monte Navegna, Castel di Tora sembra custodire, nei vuoti e nei silenzi dei suoi vicoli, il segreto delle sue origini mitiche che lo legano indissolubilmente alla città sabina di Thora. Le stradine sconnesse, i portali antichi e ricchi di fregi, le grotte scavate a colpi di piccone nella roccia, le case di architettura medievale e il belvedere sul lago regalano un paesaggio da fiaba che i lontani pastori di Thora ci hanno consegnato quasi intatto.

L’appuntamento annuale, che segna con il cibo il suggestivo passaggio religioso “di magro”, riveste notevole importanza per Castel di Tora, uno dei sedici paesi riuniti nell’Associazione Culturale dei “Polentari d’Italia”, per riscoprire e celebrare le tradizioni e confrontarsi attraverso la “Polenta”, piatto che finisce per unire idealmente l’Italia da Nord a Sud. La fama del “Polentone di Castel di Tora” ha varcato oramai da tempo i confini regionali al punto che, di frequente, la Pro Loco viene invitata in altre località per far degustare il prelibato piatto dal sapore forte e deciso in giro per l’Italia.

Ma Castel di Tora ha altre ragioni irresistibili per essere visitata.

Il Borgo infatti, classificato come “uno dei borghi più belli d’Italia”, offre al turista curioso angoli caratteristici e molto molto meritevoli. Dalla sua posizione strategica Castel di Tora domina il lago del Turano. Che è già di per sé uno spettacolo unico. Una passeggiata nell’antico borgo apre a scorci di gran suggestione. Come la torre esagonale medievale dell’XI secolo, adiacente Palazzo Scuderini. E poi su su per i vicoli che conducono a piazzette ben tenute e gelosamente curate. E mura e torrette trasformate in case. E poi archi, scalinate, tanto paesaggio che fa capolino fra una casa e l’altra. Grotte-cantine scavate nella roccia conquistandosi lo spazio millimetro per millimetro grazie all’energia del picconatore, mestiere oramai in disuso ma, un tempo, figura sociale di fondamentale importanza nella vita quotidiana di Castel di Tora.

Per chi ne avesse voglia, dopo il pranzo di Quaresima è possibile allungarsi a visitare alcuni siti locali di rara bellezza e suggestione dei dintorni: prima tappa il Convento di Santa Anatolia dove soggiornarono monaci-eremiti. Si può proseguire verso il borgo medievale di Antuni eretto intorno all’anno mille contemporaneamente al Castello di Tora. Ridotto in rovine, dopo vari bombardamenti, è riconosciuto e protetto ora come sito archeologico – naturalistico.

Per chi, invece, preferisce immergersi nella natura più selvaggia ci sono, a pochi passi da Castel di Tora, le riserve naturali dei monti Navegna e Cervia e la stupefacente cascata delle Vallocchie, una piccola perla nascosta fra i boschi.

Scheda:

Località – Castel di Tora (RI)

Data – 26 febbraio 2011

Orario – dalla mattina alla sera

Costo – non vi è costo d’entrata

Info – 3408505381

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.