Al Gilda brindisi per “Stop. In the name of Love: L’ Orso”. Foto

Più informazioni su

    “Stop. In the name of Love: L’ Orso”. E’ questo il titolo dello spettacolo in scena fino al 6 novembre al teatro Sala Uno di Porta San Giovanni. Lo spettacolo è ispirato a l’Orso di Cechov, tra gli attori Francesca Viscardi Leonetti che oltre alla regia, insieme a Lucilla Diaz e a Maria Tona interpretano un unico personaggio: Elena Ivanovna Popova, una vedova che dopo la morte del marito ha deciso di isolarsi dal mondo rinchiudendosi nella sua casa della campagna russa. L’altro protagonista è Grigorjj Stepanovic Smjrnov, un proprietario terriero che si presenta nella casa della Propova con l’intenzione di riscuotere vecchie cambiali che il marito le doveva, interpretato anche in questo caso da tre attori: Mattia Mor, Christian Vit e Tiziano Mariani. Altri interpreti sono Alessandro Ananasso, Carla Manca e Luigi de Carolis al pianoforte. Dopo lo spettacolo, tutti gli attori sono andati al “Gilda” per cenare e brindare accolti dai noti p.r. la sociologa Deborah Bettega e il filosofo Angelo Ciccio Nizzo. Alcuni ricorderanno Mattia Mor nella casa del “Grande Fratello”, tuttavia tra gli artisti una più di tutti al “Gilda” si è sentita a casa sua nel vero senso della parola: è Maria Tona che ricorda quando dal ‘99 in poi organizzava nel locale spettacoli di cabaret anche di Antonio Giuliani o Dado e li presentava. “Per me – dice Maria – la discoteca Gilda è stata una grande scuola che mi ha permesso e dato la possibilità di imparare a far spettacolo dal vivo!”.

    Deborah Bettega






    Più informazioni su