RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

All’Auditorium le star di ‘Luglio suona bene’

Più informazioni su

Star del calibro di Lou Reed, Sting, Elton John, Ricky Martin, Joe Cocker, Burt Bacharach, George Benson, Ringo Starr, Chicago. Tra milioni di dischi venduti, Grammy Award e Mtv Award vinti, dischi di platino e d’oro collezionati, il calendario di «Luglio suona bene 2011», al via nella cavea dell’Auditorium Parco della Musica dal 23 giugno al 2 agosto, si conferma all’insegna dell’internazionalità di qualità. A presentare la kermesse estiva, oggi, l’assessore alla Cultura di Roma Capitale Dino Gasperini, presidente della Fondazione Musica per Roma Aurelio Regina, dell’amministratore delegato Carlo Fuortes, del sovrintendente dell’Accademia di Santa Cecilia Bruno Cagli. «Con più di 30 concerti nella cavea, che accoglie 3mila spettatori, ad offrire la migliore rappresentanza musicale dal rock al blues alla classica – dichiara Aurelio Regina – Questa manifestazione si attesta oggi tra gli appuntamenti più seguiti nel panorama degli eventi musicali della città». Carlo Fuortes non può non ricordare la suggestione della location: «Nello spettacolo dal vivo il luogo è parte integrante dllo show, e la cavea è uno spazio straordinario, è la quarta sala che Renzo Piano è riuscito a progettare, diventato il salotto europeo della musica di qualità». Il programma, che dovrà stopparsi dal 14 al 22 luglio per il convegno mondiale sul’Aids, vanta Ringo Star (4/7) per la prima volta a Roma da solo dopo i Beatles (già venduto 1500 biglietti). «A 45 anni di distanza proveremo a chiedergli di lanciare al pubblico le sue bacchette», scherza Fuortes. Elton John ritorna con la band (13/7), Sting che ha accettato di esibirsi con l’orchestra all’aperto (30/7), Lou Reed, alla sua quarta presenza, per presentare l’ultimo disco (25/7), Joe Cocker torna dopo quattro anni (27/7), Ricky Martin al suo debutto in Auditorium con la prima data italiana (2/7), Burt Bacharach (3/7), Chicago alla prima volta (9/7), così come l’atteso John Mellencamp (10/7). Novità della scena jazz è Caro Emerald. Tra rock e pop, spiccano ancora Cyndi Lauper, Buena Vista Social Club, John Mayall, Manhattan Transfer, Primal Scream. Ad aprire il tutto, il 23 giugno, l’Orchestra di Piazza Vittorio protagonista del progetto discografico. Nel segno della Tradizione, torna La Notte della Taranta il 29 giugno con Ludovico Einaudi, per due ore e mezzo di musica scatenata. Per gli italiani, Gino Paoli con un incontro in jazz, Rapahel Gualazzi, Mario Biondi, Giovanni Allevi, Roberto Vecchioni, Pooh senza D’Orazio. Un esperimento il 22 e 23 luglio un progetto per i più giovani, Mit in Town, rassegna di musica elettronica. Puntuale il grande jazz in tre concerti. La classica con l’Orchestra e coro di Santa Cecilia, sfila in tre eventi, I Canti che hanno fatto l’Italia dall’Indipendenza all’Unità fino alla Grande Guerra, dall’Innodi Garibaldi a Bambola. I Carmina Burana di Carl Orff, e il Concerto con dedica con Ennio Morricone tra colonne sonore (Mission) e varianti e l’elegia per l’Italia dedicata al presidente Giorgio Napolitano. Dieci concerti prevedono un biglietto di 20 euro per gli under 26. «L’intera manifestazione, che è in utile perché senza finanziamenti pubblici, prevede un costo di 2,5 milioni di euro», avverte Fuortes.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.